Moda & tendenze

Indossare la libertà, la moda da inserire nello styling della stagione estiva

Una certa voglia di libertà pervade nella moda e nelle tendenze estive. Libertà di viaggiare è espressione  di una narrazione metaforica dalle passerelle alle tendenze street (complice il caldo di questi giorni) e gli abiti provano a ricalcare questo concept attraverso i colori, il mix&match, il tie-dye e le stampe di una Italia da cartolina. Anche  il mare è protagonista, come nelle collezioni di MSGM.  Con le fotografie di Francesco Nazardo. L’ispirazione arriva dal lavoro di Stephen Milner e in particolare dalla serie di fotografie A Spiritual Good Time, un tributo alle comunità del surf degli anni ’90. Under the italian sun, è il titolo decisamente esplicativo di una altra collezione di Tod’s, spettacolare.

Valentino casual senza eccessi re indiscusso di eleganza (ha appena festeggiato 90 primavere). Creando abiti che segnano il tempo senza abbandonarsi a deviazioni: è sempre questo l’approccio, collezione dopo collezione anche nel mondo della moda maschile. La moda riprende il suo corso, dunque, e l’esplorazione delle tendenze. Ma a fare da protagonista, forse più dei vestiti, sono le emozioni dei designer. 

Cappelli alla pescatora, zaini in spalla e microshorts - si incontrano quindi con i codici dell’ugly-chic, come il logo tono su tono proposto da Prada. Mentre le stampe e i colori disturbanti dagli anni ’70,  si mescolano ad un mood  travel. Prima di ricominciare a parlare di moda, di ispirazioni, di codici e di significazioni, la moda italiana esprime nel modo più spontaneo il suo legame con il territorio, come nella visione di Roma unica per Fendi. Viaggiatore da sempre è l’uomo di Etro.

Per quanto riguarda gli abiti da uomo continua anche il percorso verso la creazione di capi genderless e seasonless di Giordano Mercante, pezzi unici indomabili nei momenti più importanti  della giornata: dal mattino in ufficio  alla sera per un cocktails con gli amici. Versatili appunto e multitasking. Il più delle volte sono jumpsuite ispirate alle tenuta workwear, ma questa volta la tuta passa dallo stile utilitaristico oversize alla versione regressiva short. Un capo che può essere sempre rischioso in caso di emergenza, ma il trucco è indossarla a metà.

I colori sono tornati in vigore, al punto da imporsi quest'estate con un total look, dal pastello al fluorescente. E per coloro che non sono ancora pronti a superare il proprio limite, c'è ancora la possibilità di costruire la silhouette mantenendo un pezzo forte la t-shirt bianca con pantalone largo e Birkenstock. 
 

Vinicio Mascarello