<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Un inedito Galileo alla Basilica Palladiana

Il Festival dei Classici
Il Festival dei Classici
Il Festival dei Classici
Il Festival dei Classici

Associate mai il nome Galilei alla musica? Beh, dovreste. La famiglia toscana divenuta celebre per le innumerevoli scoperte del geniale primogenito, nascondeva al suo interno anche delle vere eccellenze in campo musicale. Il padre del famoso astronomo, Vincenzo Galilei, fu un compositore, teorico musicale e liutista, stessa carriera percorsa anche dal fratello minore, Michelangelo.

Galileo: l'ordine dell'occhio al cielo, spettacolo dell'Accademia d'Arcadia, in programma al 69° Ciclo di Spettacoli Classici – Conversazioni 2016 sabato 24 settembre, alle ore 21.00, presso la Basilica Palladiana, vuole svelare un Galileo inedito, appassionato musicista oltre che padre del pensiero moderno. Alle conosciute rivoluzioni scientifiche si aggiungeranno le meno note teorie musicali, realizzate con i membri della Camerata Fiorentina, artefici della nascita della musica barocca e dell'opera lirica.

 

Il programma musicale della serata partirà dalle prime opere di Vincenzo, Michelangelo e loro contemporanei, seguendo prima l'evoluzione stilistica del primo trentennio del XVII secolo e illustrando, poi, la "teoria degli affetti", sull'idea che la musica non si limiti a descrivere i sentimenti umani, ma li susciti essa stessa. L’esecuzione musicale sarà accompagnata da una proiezione di video-arte, realizzata dal regista Gianmaria Sortino, che trasformerà il concerto in un racconto libero, come lo stesso Galileo.

Suggerimenti