CALCIO

La Fifa contro Pes
Sfida all'ultimo pixel

A settembre in vendita le nuove versioni
La Fifa contro Pes. Sfida all'ultimo pixel
La Fifa contro Pes. Sfida all'ultimo pixel

Come ogni anno in questo periodo si riaccende l'eterna sfida tra Konami e EA Sports, ovvero tra Fifa e Pes, i migliori giochi di calcio mai realizzati. In questi ultimi giorni se ne sono sentite di tutti i colori, Pes ha acquisito i diritti della Juventus, Fifa quelli della Champions League, alcune divisioni saranno disponibili solo nell'uno o nell'altro gioco ecc. Niente di nuovo per gli appassionati di calcio insomma, disposti a tutto pur di poter giocare con i propri campioni preferiti, se non fosse che proprio quest'anno le nuove normative europee sui diritti costringono le case di produzione a cambiare i nomi propri delle squadre svincolate. In Fifa 20, che per esempio non ha la Juventus, troveremo la squadra vincitrice degli ultimi campionati di serie A chiamarsi "Piemonte Calcio", un vero smacco che costerà decisamente caro all'Electronic Arts. È dunque cominciata una vera e propria battaglia per accaparrarsi le esclusive di ogni club, di pochi giorni fa la notizia dell'acquisto con un contratto triennale dei diritti del Liverpool da parte di EA, mentre Ajax e Psg entrano anche loro con un contratto triennale nelle file di Konami. Entrambi i giochi sono stati presentati con il solito clamore durante l'E3 di Los Angeles ed entrambe le case hanno assicurato ai fans dei notevoli sviluppi di meccaniche di gioco. Fifa 20 si è arricchita lo scorso anno con la licenza intera della Champions League ed è diventato il suo simbolo. Milioni di giocatori di tutto il mondo si sfidano ogni giorno al conseguimento di obiettivi sempre più complessi e il calcio mercato è ciò che ha distinto di più il titolo. Nel corso degli anni EA Sports ha saputo costruire un'esperienza calcistica a trecentosessanta gradi, basata su diritti esclusivi e un motore grafico di prima qualità. Le migliorie che verranno apportate nel nuovo titolo saranno principalmente basate su un incremento di interazioni dell'intelligenza artificiale, da anni nota ai più grazie ai ridicoli difetti soprattutto in fase difensiva, e una nuova meccanica grafica di gioco. Nella presentazione di giugno, gli sviluppatori hanno mostrato solo un assaggio delle nuove capacità di controllo palla e finte dei giocatori delle squadre. Lo scopo di tale "rivoluzione grafica" è stata fortemente voluta visto il prossimo futuro conteso tra Google Stadia e Microsoft Project xCloud, le nuove piattaforme di gioco in streaming che verranno lanciate il prossimo autunno. L'innovazione dei nuovi software grafici è quindi solo la ciliegina sulla torta di un'offerta che punta sulla spettacolarità del calcio, abbracciando questa filosofia anche una volta scesi in campo. Andando un po' a discapito del realismo, Fifa propone infatti un ritmo di gioco elevato, fatto di scambi veloci, tocchi di fino e acrobazie per tutti e novanta i minuti.Lo stesso discorso viene applicato al nuovo Pes, Konami ha stipulato un enorme contratto con Nvidia, la più grande industria di schede grafiche del mondo. Con la sua nuova GeForce Now, Nvidia ha assicurato il futuro online e in streaming di tantissimi titoli e, tra di loro, Pes 2020. Il lavoro notevole che il team Konami ha saputo svolgere quest'anno sul rework del titolo, ha dato i suoi frutti e Pes 2020 si prospetta un gioco di calcio iper-realistico, puntando sulla qualità grafica e sulle rodate meccaniche di gioco. Disponibili entrambi da metà settembre.

Massimo Dagli Orti