Game

I biliardini sono "salvi". Arriva il dietrofront: non servirà il nullaosta come per i videopoker

Dopo il polverone sollevato sui social, soprattutto dai balneari, è arrivata la smentita: i biliardini sono "salvi" negli stabilimenti e nelle sale giochi di tutta Italia. In base a una norma inserita nel maxiemendamento al dl Pnrr approvato in Senato, entro il 15 novembre di ogni anno l’Agenzia delle Dogane dovrà individuare gli apparecchi «meccanici ed elettromeccanici che non distribuiscono tagliandi» (tra cui rientrano i calciobalilla) che saranno esenti dall’obbligo di verifica tecnica e conseguente nulla osta da parte della stessa Agenzia oggi necessari per l’utilizzo. La mancanza di queste certificazioni comporta infatti il rischio di sanzioni. Resta fermo, invece, l’obbligo di versamento dell’imposta sugli intrattenimenti.

«La norma non solo salva i biliardini e altri giochi come ping pong, flipper, freccette ma evita pesanti sanzioni verso bar, stabilimenti balneari, ristoranti, alberghi che sarebbero state scaricate sui consumatori attraverso rincari delle tariffe, in questa estate già salatissima sul fronte dei prezzi turistici». Lo afferma il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, in una nota.
«Governo e istituzioni - aggiunge - devono però ora incrementare controlli e vigilanza contro il gioco d’azzardo illegale, che nel nostro paese rappresenta una piaga con costi sociali immensi
legati alla ludopatia e circa 1,5 milioni di giocatori problematici».

L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, si legge in una nota «è ben consapevole della rilevanza di questi giochi nella cultura e tradizione degli italiani. Nelle ultime ore, nessuna nuova regolamentazione è intervenuta per modificare la normativa di settore già esistente. I biliardini, come sempre, potranno essere liberamente installati in tutti i luoghi aperti al pubblico in continuità con le regole del passato e secondo le modalità già previste». Si legge poi nella nota: «È utile ripercorrere, rapidamente, lo sviluppo della vicenda per chiarire i punti principali: una norma del 2012 ha inserito i biliardini fra quegli apparecchi le cui caratteristiche devono essere disciplinate da interventi ministeriali: ciò con l’intento di garantire la sicurezza dell’esercizio».  Da ultimo, l’Agenzia sempre con l’intento di garantire lo svolgimento di questo importante intrattenimento.