Premio internazionale a Mendoza

La cantina Pieropan firmata dall'architetto bassanese Zurlo vince il Global Best Of Wine Tourism Awards

La cantina Pieropan vince il Global Best Of Wine Tourism Awards, assieme ad altre dieci imprese vitivinicole selezionate dalle undici capitali del turismo del vino, Great Wine Capitals (Gwc) di cui Verona, grazie all’intervento della Camera di Commercio di Verona, fa parte. Paolo Arena, consigliere della Camera di Commercio di Verona, che ha aderito alla rete da qualche anno in rappresentanza dell’Italia, ha ritirato il premio durante l’annuale meeting delle Gwc che si è chiuso ieri a Mendoza, in Argentina. La cantina, frutto di cinque anni di lavoro, è un’opera architettonica che coniuga innovazione e sostenibilità, fortemente voluta da Leonildo Pieropan e con riconoscenza a lui dedicata. La cantina premiata ha anche due richiami vicentini, il primo è l'uso della pietra di Vicenza per la tanto famosa facciata e la seconda è la firma del progetto dell'opera che è dell'architetto bassanese Moreno Zurlo, dell’ACME Studio di Verona.

«Il progetto della cantina Leonildo Pieropan – spiega Arena - è stato selezionato dal contest nazionale Best of Wine Tourism per la categoria Architettura e Paesaggio, organizzato dalla Camera di Commercio di Verona, per poi confrontarsi a livello internazionale con le più prestigiose aziende enoturistiche delle regioni vinicole dei cinque continenti, raggruppate nella rete delle Grandi Capitali del vino. Il contest mira a promuovere la cultura e lo sviluppo dell’enoturismo nel territorio, favorendo lo scambio internazionale di competenze ed esperienze».

«Siamo onorati di questo riconoscimento -  chiosa Teresita Pieropan - ogni angolo della cantina ci parla di Leonildo Pieropan e del suo amore per il territorio e per il suo lavoro. La nostra famiglia si sta impegnando a portare avanti il suo ricordo nel rispetto dell’ambiente. Vogliamo anche ringraziare l’architetto Moreno Zurlo che ha seguito con mio marito tutto il progetto e che ha tradotto le sue idee in un ambiente integrato nel paesaggio, dove la bellezza e l’armonia sono protagoniste».

Sono cinque i vincitori italiani, selezionati dalla Camera di Commercio di Verona, che, nelle scorse edizioni, hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento internazionale: Albino Armani Viticoltori dal 1607, Villa Quaranta della famiglia Tommasi, Masi Agricola, Zeni 1870 e Zymé. Quest’anno al concorso hanno partecipato 100 cantine vinicole e imprese di servizio alla filiera.

L'amministratore delegato della rete delle Gwc, Catherine Leparmentier, sottolinea la costante importanza dei premi per la creazione di un'industria enoturistica e di comunità locali fiorenti anche in futuro. «Considerati i tempi difficili – afferma Leparmentier - che il mondo ha attraversato negli ultimi due anni, siamo molto colpiti dalla capacità di recupero dell'industria del vino per quanto riguarda le sue attività enoturistiche. Programmi innovativi, nuovi servizi, strategie di marketing aggiornate hanno permesso alle cantine di riprendersi rapidamente dalle conseguenze della pandemia globale. Quest'anno abbiamo ricevuto più di 540 candidature al nostro concorso Best Of Wine Tourism. Gli 11 vincitori globali annunciati oggi sono stati selezionati tra i 75 vincitori regionali».

Great Wine Capitals invita ora il pubblico a mostrare il proprio apprezzamento per le eccezionali esperienze offerte dal settore enoturistico votando i People's Choice Awards la prossima settimana a partire dal 7 novembre. Si può votare sul sito www.greatwinecapitals.com.