«Pronti a chiedere l’intervento dell’esercito per fermare l’invasione dei cinghiali nelle campagne e nelle città»

«Per fermare l’invasione dei cinghiali nelle campagne e nelle città siamo pronti a chiedere l’intervento dell’esercito». È quanto ha affermato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini a conclusione del blitz di migliaia di agricoltori e allevatori, assieme a cittadini e istituzioni in piazza SS. Apostoli a Roma contro l’assedio degli animali selvatici, con vittime nelle strade e coltivazioni devastate, mentre la peste suina mette in pericolo gli allevamenti di maiali e la norcineria nazionale. «Questa è l’ultima manifestazione pacifica che facciamo, se non otterremo risultati la prossima volta saremo a Montecitorio - ha annunciato Prandini - poiché non è assolutamente sostenibile la situazione nella quale ci hanno messo. A causa dei cinghiali abbiamo perso ottocentomila ettari coltivati, mettendo a rischio la nostra capacità produttiva in un momento peraltro delicato a causa della guerra in Ucraina». «Ma ci sono anche agricoltori che hanno addirittura perso la vita a causa dei cinghiali - ha continuato il presidente della Coldiretti - e in un Paese normale ciò non dovrebbe essere possibile. La Prefettura di Roma ci ha annunciato che farà il provvedimento di abbattimento, ma non deve valere solo per la Capitale o la Regione Lazio, noi ci aspettiamo che già nei prossimi giorni lo stesso provvedimento sia attuato a livello nazionale - ha concluso Prandini - per porre fine a una situazione paradossale che ha già visto chiudere decine di migliaia di aziende agricole».