Amici di Noè

Calci al gatto, il giocatore Zouma condannato a 180 ore di servizi sociali

Il difensore del West Ham Kurt e della nazionale francese, Zouma, dovrà svolgere 180 ore di servizi sociali dopo essere stato giudicato colpevole di maltrattamenti ai danni di un gatto. Al 27enne, che si è dichiarato colpevole di aver preso a calci e schiaffeggiato il suo gatto, la Thames Magistrates Court ha anche vietato di avere gatti in casa per i prossimi cinque anni. Nell'annunciare la sentenza di condanna, la giudice Susan Holdham ha definito quello di Zouma «un comportamento vergognoso e biasimevole ai danni di un animale domestico».

Lo scorso febbraio il fratello minore di Zouma, Yoan, aveva prima filmato le sevizie compiute dal fratello, tra le risate dei presenti, ai danni del felino, per poi diffondere le immagini sul web. Un filmato subito divenuto virale tra lo sdegno dei più. Non appena l'incidente domestico era venuto alla luce, il West Ham aveva multato Zouma per due settimane di stipendio, l'importo massimo possibile. «Questo tipo di comportamento è inaccettabile e non è in linea con i valori della squadra di calcio - si legge in un comunicato del club - Entro 48 ore dall'uscita del filmato, abbiamo multato Kurt. Ogni singolo centesimo di questo denaro andrà ad una serie di enti di beneficenza dedicati al benessere degli animali».

Da allora i due gatti del Bengala di Zouma sono stati affidati alla cura degli animali RSPCA. Anche il fratello, Il fratello del francese Yoan, che gioca per Dagenham & Redbridge, è stato condannato a 140 ore di servizio alla comunità e anche lui al divieto di tenere gatti per cinque anni.