A Venezia sequestrato gufo usato per foto a pagamento

I carabinieri lo hanno consegnato al Centro recupero area faunistica

Il Nucleo Carabinieri Cites di Venezia ha sottoposto a sequestro un giovane esemplare di gufo comune, che sarebbe stato utilizzato dal proprietario ucraino per attirare i turisti, i quali, dietro pagamento in denaro, avrebbero potuto scattare delle foto insieme all'animale.

In prima battuta, lo straniero era stato fermato dalla polizia locale di Venezia, che aveva interrotto l'attività e sottoposto a controlli sanitari il rapace. I carabinieri, intervenuti presso il canile-rifugio del Comune di Venezia, dove era stato temporaneamente collocato l'animale, hanno proceduto al riconoscimento e classificazione dell'esemplare.

Sotto la direzione della Procura presso il Tribunale di Venezia, l'animale è stato quindi sottoposto a sequestro perché privo della necessaria documentazione e affidato in adozione al Centro recupero fauna selvatica "Il Pettirosso" di Modena, struttura pronta a prendersi cura del giovane esemplare e a garantirgli un'esistenza in ambiente idoneo.

BCN

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a Il Giornale di Vicenza e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de Il Giornale di Vicenza, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati