Amidi di Noè

Trump rende onore al cane-eroe che ha stanato Al-Baghdadi

.
Chi era Abu Bakr al Baghdadi, il Califfo dalle sette vite

Donald Trump gli rende onore, pubblicandone la foto, al cane dell'unità cinofila che ha aiutato i rambo della Delta Force a uccidere il leader dell'Isis, Abu Bakr al-Baghdadi. L’unico a rimanere ferito nell'operazione. «Abbiamo desecretato la foto di un meraviglioso cane (il nome resta segreto) che ha fatto una gran lavoro nel catturare e uccidere il leader dell'Isis, Abu Bakr al-Baghdadi!» twitta il presidente degli Stati Uniti, allegando l'immagine del pastore tedesco eroe.

 

Il nome, come quello di ogni agente delle forze speciali, deve rimanere “classificato” e quindi non può essere reso noto dalle forze armate. Ma secondo Luis Martinez, della ABC News, sarebbe stato rivelato che il cane è una femmina di Malinois Belga, la stessa razza che ha preso parte all'operazione contro il leader di Al Qaeda Osama bin Laden nel 2011.

 

 

Donald Trump, già nella conferenza stampa dopo il raid, aveva detto di lui: «Un cane bellissimo, di grande talento, è stato ferito e lo abbiamo riportato indietro». Trump aveva aggiunto che il cane, che fa parte dell'esercito Delta, aveva subito lievi ferite durante l'operazione e che con lui c’erano altri componenti del reparto K9. «Al Baghdadi si è infilato nel tunnel, inseguito dai nostri cani» ha dichiarato il presidente. Alcuni funzionari del Pentagono hanno affermato che il cane è già tornato in servizio.