Pronto soccorso ma per randagi È il canile dell'Ulss

SERVIZI. Servirà il bacino dell'azienda sanitaria e avrà sede a Marano

Dopo anni di polemiche fra amministratori e animalisti nasce una struttura di primo intervento capace di curare una ventina di cani
Arriva il pronto soccorso per cani all'Ulss 4. Avrà sede a Marano
Arriva il pronto soccorso per cani all'Ulss 4. Avrà sede a Marano

Il nuovo canile dell'Alto vicentino è finalmente realtà. La struttura sanitaria che d'ora in poi si occuperà dell'accalappiamento e della cura dei cani randagi all'interno del territorio dell'Ulss 4, è stata aperta da alcune settimane in via Molette a Marano. Dopo tre anni di difficoltà tecniche e burocratiche, la conferenza dei sindaci ha così risolto la spinosa questione del canile, affidando la gestione del servizio ad un privato, Bortolino Sartore. L'apertura in realtà non è ancora stata ufficializzata, dato che l'iter della gara si concluderà a giorni, ma l'urgenza di attivare il servizio ha portato a schiudere in anticipo i cancelli della nuova struttura. La demolizione del canile di Piovene, avvenuta a fine marzo, e la cessazione della convenzione con il rifugio del cane al Tretto, scaduta a maggio, avevano infatti lasciato i 32 Comuni dell'Altovicentino senza un punto di riferimento sul territorio.  «Avevamo assoluta necessità di aprire quanto prima la struttura sanitaria di Marano - spiega Piero Menegozzo, primo cittadino di Santorso e delegato dalla conferenza dei sindaci a seguire il procedimento - dove i veterinari potranno prestare le cure necessarie agli animali randagi.
I particolari nel Giornale in edicola

Alessandra Dall'Igna
# Sposta il focus sul parent