LAVORO

Imparare l’inglese creando un metodo personale

By Athesis Studio

Saper parlare fluentemente l’inglese, e capirlo senza difficoltà, è una di quelle competenze che oggi possono fare la differenza. Ormai praticamente in ogni ambito lavorativo è indispensabile conoscere almeno i rudimenti dell’inglese, e per alcune professioni è indispensabile.

L’inglese è la lingua internazionale per eccellenza, quella che ti permette di farti capire in (quasi) ogni angolo dii mondo. Come si può farne a meno?

E infatti non si può, motivo per cui è imparare l’inglese oggi è imprescindibile, sia che tu debba presentare un curriculum in una azienda, sia che tu voglia fare una vacanza all’estero sapendo gestire qualsiasi imprevisto.

Per fortuna, oggi è possibile ricorrere a migliaia – letteralmente – di risorse sul web, sempre a portata di mano. Ma proprio il fatto di sapere di potervi accedere quando si vuole, fa sì che alla fine si rimandi sempre. Il segreto è quello di organizzarsi un vero e proprio metodo, dedicando un tempo prestabilito e senza mancare all’impegno preso con se stessi. Ecco qualche spunto.

Risorse gratuite, e non solo

Fra internet e le pay tv, il materiale in lingua inglese cui avere accesso è praticamente infinito. E si possono trovare risorse gratuite anche per quanto riguarda lezioni o esercizi. Può essere un ottimo punto di vista, tanto per cominciare a esercitarsi. Ma se l’obiettivo è serio, è necessario rendere un impegno responsabile, e accedere anche a degli insegnamenti con professionisti.

Ritaglia del tempo fisso

Per raggiungere qualsiasi traguardo c’è una regola comune che vale sempre: costanza. Fare una full immersion di inglese per una settimana, per poi perdere lo slancio, è il modo sicuro per fallire.

Non lasciarti trascinare dall’entusiasmo né dalla pigrizia, e questo è possibile programmando. Cerca due o tre momenti della settimana da dedicare a imparare l’inglese, e rispetta l’appuntamento, come ti fossi iscritto a una scuola. Ed evita di strafare: se per ora riesci a impegnarti solo per 3 ore a settimana, parti da lì. Vedrai che man man che otterrai risultati, avrai più voglia di fare di più.

Trasformalo in un gioco

Sono due le vie con cui si apprende: ripetizione ed emozione. Se da una parte memorizzare vocaboli e regole grammaticali è alla base dello studio di una lingua straniera, ciò che apprendi divertendoti si fissa immediatamente nella mente.

Magari coinvolgi il resto della famiglia: potete dedicare una sera alla settimana a parlare in inglese, o fare giochi di società in lingua straniera. Scegliete i vostri film preferiti, e guardateli in lingua originale; oppure studiate le canzoni che più amate. Ti stupirai di scoprire quante cose memorizzerai senza fare fatica.

Elimina l’imbarazzo

Uno degli ostacoli maggiore nel parlare una lingua straniera non è la mancanza di conoscenza, ma la paura di sbagliare. Si vorrebbe parlare solo dopo essere riusciti a imparare l’inglese perfettamente. Ma questo, semplicemente, non è possibile! E’ solo sbagliando che si impara. Pensa alla pazienza che hai con chi sta imparando l’italiano; stai sicuro che anche per gli altri sarà la stessa cosa.