GESTIONE RISPARMI

Conto deposito, 4 motivi per cui potrebbe essere conveniente

By Athesis Studio

Negli ultimi anni migliaia di italiani hanno aperto un conto deposito per mettere meglio a frutto le proprie giacenze. Ma perché scegliere un conto deposito? Siamo sicuri che la convenienza economica sia l’unica determinante che dovrebbe indurti a dare fiducia a un rapporto bancario di questo tipo?

In questo approfondimento abbiamo condiviso una serie di riflessioni che, forse, ti convinceranno che il conto deposito è proprio quello di cui hai bisogno: cerchiamo di scoprirle insieme in questo breve elenco di valutazioni sulla convenienza del conto deposito rispetto ad altre forme di “salvadanaio”.

Conto deposito e tassi di interesse

È indubbio come nel corso degli anni la principale motivazione che ha indotto tantissimi italiani ad aprire un conto deposito sia stata la possibilità di usufruire di tassi di interesse superiori a quelli – spesso, inesistenti – che sono concessi dai conti correnti ordinari di corrispondenza. Versare i propri soldi sul conto deposito ha dunque rappresentato una utile opportunità per far fruttare i propri soldi senza rischi, con tassi di interesse creditori ancora maggiori per quanto concerne i conti deposito con vincolo, ovvero quelli con scadenze predeterminate.

Una gestione completamente autonoma

Scegliere un conto deposito significa anche potersi garantire una gestione completamente autonoma delle proprie giacenze, considerato che il cliente delle banche che propongono conti deposito permettono di gestire tutte le fasi dell’accensione, dell’amministrazione e della chiusura senza doversi recare fisicamente presso un istituto di credito, ma semplicemente usufruendo delle piattaforme digitali disponibili sul web.

In questo modo sarà possibile gestire i propri soldi in modo smart e conveniente, senza vincoli di tempo e di luogo. In qualsiasi istante si potrà aprire e chiudere un conto deposito, effettuare versamenti integrativi o altre operazioni informative e dispositive sulle proprie giacenze, libere o vincolate.

Tanti altri servizi a portata di clic

Aprire un conto deposito è spesso il primo passo che si fa nei confronti di un istituto di credito digitale. Si tratta pertanto di un rapporto bancario “inaugurale”, che permette al cliente di rendersi conto quanto sia ampia e diversificata la gamma di strumenti di deposito, di investimento, di finanziamento e di operatività che gli stessi istituti di credito propongono.

Insomma, aprire un conto deposito potrebbe voler dire “fidelizzarsi” a un istituto di credito al quale sottoporre altre esigenze, come quelle di un conto corrente ordinario, di un prestito, di un mutuo o di un investimento.

Tutta la sicurezza che meriti

Le sicurezze che sono offerte dal conto deposito sono del tutto analoghe a quelle che sono proposte dai normali conti correnti, visto e considerato che entrambe le tipologie di rapporto sono assicurate dal Fondo interbancario di tutela dei depositi, sottoposto alla vigilanza di Bankitalia, e in grado di rimborsare le somme del cliente di un istituto di credito in default fino a 100.000 euro. In ogni caso, parliamo di eventualità estremamente rare!

Speriamo che questi brevi spunti possano esserti stati di aiuto per migliorare la conoscenza di questi rapporti.