Veneto

Sfregiata la Basilica del Redentore a Venezia. Zaia: «Gesto oltraggioso e incivile»

La basilica del Santissimo Redentore a Venezia, chiesa palladiana, è stata imbrattata nella notte da ignoti vandali
La basilica del Santissimo Redentore a Venezia, chiesa palladiana, è stata imbrattata nella notte da ignoti vandali
La basilica del Santissimo Redentore a Venezia, chiesa palladiana, è stata imbrattata nella notte da ignoti vandali
La basilica del Santissimo Redentore a Venezia, chiesa palladiana, è stata imbrattata nella notte da ignoti vandali

La basilica del Santissimo Redentore a Venezia, chiesa palladiana che si staglia sul canale della Giudecca, è stata imbrattata nella notte da ignoti vandali che hanno dipinto una porzione della facciata di rosso. Sopra la facciata sono state tracciate alcune scritte apparentemente senza senso, somiglianti a equazioni matematiche. Il gesto è stato riportato sui social e ha fatto in breve il 'giro' della città, creando disappunto e sconcerto. In Campo del Redentore è posizionata una telecamera, che potrebbe aiutare le forze dell'ordine nel rintracciare i responsabili del gesto.

«Qualunque sia il movente di un simile gesto, si tratta di una vera dimostrazione di ignoranza. Ignoranza del valore artistico della chiesa del Redentore, edificio palladiano, e dell’importanza identitaria che ha per Venezia e il Veneto; la festa che la vede da secoli protagonista a luglio è uno degli appuntamenti più importanti per la nostra terra». Così il presidente della Regione del Veneto commenta la notizia che i vandali hanno imbrattato l’antico edificio di culto sull’isola veneziana della Giudecca. «Gli inquirenti faranno luce su quanto è accaduto - conclude il Governatore -. Intanto esprimiamo la più ferma condanna per un simile gesto oltraggioso e incivile».

Negli ultimi giorni le chiese veneziane sono state prese di mira dai vandali che le hanno deturpate con scritte e formule senza senso.