San Pietro in Gu

Strage sulla Postumia, il camionista: «Me li sono trovati davanti. Non ho potuto fare nulla»

Il camion coinvolto nel tragico incidente di venerdì lungo la Postumia
Il camion coinvolto nel tragico incidente di venerdì lungo la Postumia
Il camion coinvolto nel tragico incidente di venerdì lungo la Postumia
Il camion coinvolto nel tragico incidente di venerdì lungo la Postumia

«Me li sono visti sotto il camion, non ho potuto fare niente. È stato un attimo». È visibilmente scosso, ma illeso e lucido nel ricostruire quanto accaduto, Manuel Toffan, 43 anni, di Romano D'Ezzelino, a poco più di un'ora dal terribile frontale costato la vita a quattro dei sei passeggeri presenti a bordo della Fiat Multipla che, improvvisamente, ieri pomeriggio, lungo la Statale 53, ha invaso la corsia del suo autoarticolato, causando un violento impatto mortale.

«La Fiat stava percorrendo l'altra corsia - continua Toffan, che lavora per la ditta Autotrasporti Cusinato Renato, di San Pietro in Gù, la cui sede è situata a poco più di un chilometro di distanza dal luogo dell'incidente -. Credo che stessero arrivando a velocità sostenuta, perché non si sono accorti subito che nella loro corsia si era formata una colonna di macchine. Erano ferme e l'autista al volante della Fiat, per evitare l'impatto, ha deviato all'improvviso, invadendo la mia corsia».
Inevitabile, come detto, l'impatto tra la Multipla e il bilico guidato dal 43enne. «Frenare? È stato un attimo. Me li sono visti sotto il camion. Praticamente mi hanno frenato loro, finendo con l'auto sotto la ruota sinistra». Toffan ben conosce quel tratto di Strada statale 53, che percorre praticamente tutti i giorni. «Passo di qua tutti i giorni, la sede della ditta è qua vicino - spiega -. Stavo riportando il camion in sede, per chiudere la giornata e la settimana. Incidenti lungo questa strada ne ho visti, ma non mi era mai capitato di subirne uno».

Quello di ieri, non è infatti il primo incidente mortale avvenuto lungo la Statale. «Purtroppo questo tratto di strada è di nuovo teatro di un grave incidente - conferma Paolo Polati, sindaco di San Pietro in Gù, arrivato sul posto appena saputo del sinistro -. Per il passato è successo altre volte. L'ultimo è avvenuto nel 2017. Questo tratto di strada presenta delle criticità importanti. È un rettilineo, ma ci sono anche due semafori e un passaggio ferroviario».

Marco Marini