Veneto

Situazione Coronavirus, Zaia: «Le aperture devono essere graduali. Come vedo l'estate? Libera»

Il video non può essere visualizzato in quanto non è stata accettata la cookie policy.
Luca Zaia, 6 aprile 2021

I DATI.  «Il numero dei positivi delle ultime 24 ore è di 507 su 9.888 tamponi, il 5,13% di incidenza. Sono 2.287 le persone ricoverate in ospedale, più +50 pazienti, di questi 315 sono in terapia intensiva (+13). Il totale dei morti è di 10.770, +15». Lo ha detto il governatore del Veneto, Luca Zaia, durante il consueto punto stampa.

VENETO IN ARANCIONE. «Da oggi è giornata arancione, non è un gioco a premi, abbiamo avuto dati in calo ma di poco tra incidenza e Rt. La responsabilità passa in capo ai cittadini, più responsabilità meno contagi». Lo ha detto Luca Zaia, governatore del Veneto, dopo l’uscita da oggi dalla zona rossa. «Noi ci siamo ma il virus c’è - ha aggiunto - abbiamo quasi 37mila persone isolate in casa e non bisogna abbassare la guardia anche perché i dati oscillano. L’età media dei contagiati è 54 anni, curati gli anziani ora è normale che il target sia calato».

APERTURE.  «Il decreto prevede zona rossa e arancione fino al 30 aprile, secondo i parametri, prevede anche un varco qualora ci fossero le possibilità si potrebbe allentare. C’è il virus, c’è il problema sociologico e uno economico, credo che i 21 parametri siano superati rispetto alla diagnostica, il sistema di cure e il vaccino che abbiamo oggi». «Rincorriamo dei parametri - ha aggiunto - che non tengono conto di quanto fatto, attendiamo l’incontro con il premier Draghi di giovedì». «Ci vuole una gradualità - ha sottolineato Zaia - questo sì, ma va fatto con intelligenza, è un percorso che va fatto con gradualità e sicurezza»: oggi sulle aperture non c’è una proposta e mi aspetto un’estate libera ma non sono uno scienziato».

ESTATE.  «Vedo un’estate libera perché ci metto assieme il combinato disposto della stagione e dei vaccini».  «Con il caldo il virus si comporta come l’influenza - ha aggiunto - tra due mesi abbondanti se procediamo con vaccini che abbiamo avremo 1,5 milioni d vaccini inoculati e con quelli che abbiamo fatto sono 2,5 milioni e scendendo con l’età saranno coperte sempre più persone oltre alle fasce fragili».

SCUOLA.  «Abbiamo vaccinato circa il 68% degli insegnanti e abbiamo già predisposto il sistema trasporti con dad 50%: a scuola andranno 700mila persone». Lo ha detto il governatore del Veneto, Luca Zaia, sulla riapertura delle scuole. «La mancanza di vaccinazione degli insegnanti - ha rilevato - è dovuta al fatto che abbiamo avuto un rallentamento al momento dello stop di AstraZeneca e che comunque dobbiamo sempre puntare prima agli over 80 e ai fragili e quindi i docenti».

VACCINI.  «Negli ultimi sette giorni il Veneto è la regione che vaccina di più: 59 vaccinazioni ogni10mila abitanti». «Abbiamo superato il milione di dosi somministrate, abbiamo 50mila dosi a disposizione, domenica eravamo a zero Pfizer, e abbiamo 39.547 Moderna e 99.429 AstraZeneca: in totale stamattina all’apertura dei cancelli avevamo 132.371 dosi». 

«In Veneto sono arrivate 125mila fiale di Pfizer e questa settimana arriverà solo questo vaccino». La notizia è stata data dall’assessore alla salute Manuela Lanzarin nel corso della conferenza stampa sul punto Covid con il governatore Luca Zaia. Lanzarin ha anche detto che «questa settimana AstraZeneca non è previsto» mentre il "monte" vaccini settimanale è calcolato sull’arrivo di un produttore o sulla media dei diversi marchi.

RECOVERY.  «Se abbiamo 209 miliardi di euro e li investiamo bene, non per comprare monopattini e sciocchezze del genere, ne veniamo fuori». «Ne dobbiamo venir fuori - ha aggiunto - io incontro solo imprenditori e lavoratori che vogliono lavorare». «Le Regioni - ha precisato - sono l’unica realtà che sono in grado di mettere a "terra" gli investimenti perché hanno un rapporto con il territorio. Se il Governo ci mette una visione non medievalista ma rinascimentale ovvero federalista, la sburocratizzazione ed elementi commissariali, noi siamo i partner. Se la visione sarà centralista sarà medievale, ma mi pare di no: noi siamo il partner ideale».