Veneto

Operatore sanitario no vax va a vaccinarsi in manette per protesta

Si è ammanettato, protestando contro la «dittatura sanitaria», spalleggiato da alcuni amici ,
poi si liberato i polsi, si si è sottoposto ad anamnesi e si è vaccinato. È quanto ha inscenato stamane a Venezia un no vax, sostenendo di essersi trovato costretto a ricevere l’inoculazione in quanto operatore sanitario. La protesta è avvenuta nel centro vaccinale del PalaExpo di Venezia. A rendere noto il fatto l’Ulss 3 Serenissima.
L’uomo dopo alcuni gesti plateali a favore di telecamere, ha indossato un paio di manette - che si è tolto da solo alcuni minuti dopo - ed è entrato per ricevere la somministrazione del vaccino. Sottoposto all’anamnesi, ha espresso il necessario consenso, ha ricevuto la prima dose, e dopo aver atteso i canoni 15 minuti ha lasciato la struttura in compagnia dei suoi accompagnatori.
La Direzione dell’Ulss 3 Serenissima ha ringraziato, per la paziente e puntuale gestione del caso, gli operatori in servizio al PalaExpo, dove le operazione hanno continuato a svolgersi regolarmente.