Il caso

Crisanti indagato per diffamazione: l'esposto di Azienda Zero

Il microbiologo Andrea Crisanti è indagato dalla Procura di Padova dopo una segnalazione di Azienda Zero, il braccio operativo della Regione, secondo la quale le critiche dello scienziato al sistema di prevenzione Covid - in particolare l’uso generalizzato dei test rapidi - avrebbe gettato discredito sulla sanità veneta.

Il fascicolo, come riferisce il Corriere del Veneto, è stato aperto all'inizio di marzo, e vede i magistrati procedere per l’ipotesi di diffamazione. A presentare l’esposto è stato il direttore generale di Azienda Zero, Roberto Toniolo. Crisanti, direttore dell'istituto di microbiologia  dell'Universitaà di Padova, è un dipendente della sanità del Veneto. 

 

Leggi anche
Veneto, tamponi rapidi: inchiesta della Procura sulla loro efficacia

 

 

 

 

Suggerimenti