Covid in Veneto

Luca Zaia: «Per ora zona gialla, ma siamo circondati. Sui vaccini stiamo verificando con i Nas»

Il video non può essere visualizzato in quanto non è stata accettata la cookie policy.
Zaia punto stampa - 19 febbraio

Oggi alle 12,20, la conferenza stampa per fare il punto della situazione Covid-19 in Veneto, con Luca Zaia.

Sulle Regioni che intendono comprare dosi di vaccino anti-Covid sul mercato, le verifiche della Procura di Perugia, che manda i Nas all’Aifa, dal commissario Arcuri e nella Regione Veneto per acquisire documenti e fare accertamenti. «Oggi abbiamo ricevuto disponibilità anche per AstraZeneca» aveva detto ieri il governatore Luca Zaia.

 

LA DIRETTA

 

IL BOLLETTINO DI OGGI

I tamponi molecolari ad oggi eseguiti sono oltre 3milioni e 941mila, oltre 2milioni 987mila i test rapidi. Sono 657 i nuovi casi positivi nelle ultime 24 ore in Veneto; l'incidenza dei contagi è del 2,40% sui tamponi fatti. I positivi salgono a 324.545 totali da inizio pandemia, 21.487 gli attualmente positivi. I decessi in un giorno sono stati 32. La situazione negli ospedali: 1.374 ricoveri totali, 133 pazienti in terapia intensiva e 1.241 in area non critica.

 

COVID IN VENETO

«La situazione nazionale non è per nulla rosea e io sono molto preoccupato - ha affermato Zaia in diretta -. Oltre il 70% dei positivi hanno variante brasiliana. In Veneto ha contato molto il contact tracing e il fatto che non abbiamo riaperto le scuole. Non pensiamo, comunque, che la nostra regione possa restare per sempre un'isola felice: dobbiamo essere prudenti, ci potrebbero essere nuove curve del virus. Spero che se ne possa venire fuori ma lo potremmo fare solo con i vaccini. È la "conditio sine qua non" per uscire dalla pandemia». 

Il governatore ha poi insistito sul tema Veneto Covid Free, legato a doppio filo con il tema del settore turistico e dell'economia della Regione. «Penso alla montagna, abbiamo i Mondiali di Sci ed è come se non ce li avessimo: un evento mondiale che non stiamo vivendo. E per fortuna che avremo le Olimpiadi nei prossimi anni».

 

ZONA GIALLA

«Gli indicatori ci fanno pensare che resteremo in "zona gialla", lo sapremo nel pomeriggio. Ma siamo ormai circondati: in Alto Adige la situazione è pesante e i dati a livello nazionale non sono sicuramente in calo». «Ancora una volta dipende da ognuno di noi il contenimento del contagio - ha ricordato Luca Zaia - usare le mascherine, rispettare il distanziamento, evitare gli assembramenti

 

RIUNIONE TRA REGIONI

«Nelle prossime ore dovremmo fare una riunione fra presidenti di Regione: il 5 marzo scade il Dpcm e dobbiamo cercare di capire cosa fare. Ricordiamo che la Germania è in lockdown dai primi di dicembre e forse riaprirà i primi di marzo».

 

ACQUISIZIONE VACCINI

«Il dottor Luciano Flor oggi aveva un appuntamento con i Nas per l'acquisizione dei documenti sulla questione dei vaccini. Stiamo verificando chi siano gli interlocutori e abbiamo anche scritto ad Aifa. Il dottor Flor non ha fatto ancora alcuna negoziazione perché siamo in attesa delle autorizzazioni». Aggiunge Luca Zaia: «Io non ho avuto alcuna intermediazione per la vendita dei vaccini, non ho neppure visto il carteggio».

 

VACCINI E NAS

«Ho chiesto io al dottor Luciano Flor di scrivere ai Nas il 12 febbraio per informarli dei contatti e del fatto di aver scritto ad Aifa - ha rivelato il governatore Zaia -. E ben venga l'operazione che sta facendo la procura di Perugia, perché finalmente farà chiarezza e così sapremo se siamo davanti a dei millantatori o meno. Prima di acquistare un farmaco dobbiamo avere la certezza matematica che sia valido, punto e basta».