Verso il consiglio regionale

Lista Zaia e Lega
fanno il pieno
Gli eletti vicentini

.
Da sinistra: Possamai, Donazzan, Lanzarin, Ciambetti e Finco
Da sinistra: Possamai, Donazzan, Lanzarin, Ciambetti e Finco

Chiusa (in realtà mai aperta) la partita per il presidente di Regione, con la netta vittoria di Luca Zaia, c'è grande attesa ora per capire la composizione del consiglio regionale. La coalizione a sostegno di Zaia dovrebbe avere la maggioranza assoluta (non accadeva dai tempi della Dc).

 

La coalizione Zaia dovrebbe ottenere 41 seggi (più il presidente Zaia), mentre la coalizione di centrosinistra 8 (più il candidato presidente Lorenzoni); fuori dal consiglio invece, tutti gli altri candidati presidente. Alla luce di questi numeri i seggi dovrebbero essere distribuiti così: Lista Zaia 24 seggi, Lega 9, Fratelli d'Italia 5, Forza Italia 2, Lista Veneta Autonomia 1; Partito democratico 6, Il Veneto che vogliamo 1, Europa Verde 1.

 

CONSIGLIO REGIONALE: TUTTI GLI ELETTI (dato ufficioso) - SCARICA IL PDF

 

AGGIORNAMENTO ORE 11 Questi i nove vicentini eletti in Consiglio regionale secondo le stime dell'osservatorio regionale. Tra loro gli assessori uscenti Elena Donazzan e Manuela Lanzarin.

 

- Lista Zaia: Roberto Ciambetti, Marco Zecchinato, Stefano Giacomin, Silvia Maino (prima dei non eletti Ilenia Tisato)
- Lega: Manuela Lanzarin, Nicola Finco (prima dei non eletti Milena Cecchetto)
- Fratelli d'Italia: Elena Donazzan (primo dei non eletti Joe Formaggio)
- Partito democratico: Giacomo Possamai (prima dei non eletti Chiara Luisetto)
- Europa Verde: Cristina Guarda (primo dei non eletti Renzo Masolo)

 

Con Ciambetti, Donazzan, Lanzarin (e forse Finco) in odore di un posto in giunta, ci sarebbe spazio per l'elezione di Ilenia Tisato, Milena Cecchetto e Joe Formaggio.

 

ORE 9 È terminato lo spoglio per le regionali a Vicenza e provincia. 

Praticamente certi dell'elezione in consiglio regionale: Roberto Ciambetti (9.951 preferenze), Marco Zecchinato (4.326), Stefano Giacomin (2.876) e Silvia Maino (2.774) per la lista Zaia; Manuela Lanzarin (10.370) e Nicola Finco (8.939) per la Lega; Elena Donazzan (10.743) per Fratelli d'Italia; Giacomo Possamai (11.515) per il Partito democratico. 

 

 

ORE 7.30 Quando al termine dello spoglio per Vicenza e provincia mancano poco più di una decina di sezioni, si inizia a delineare il quadro attorno a chi è certo di un posto in consiglio regionale. A partire da Roberto Ciambetti (Zaia presidente) che sfiora le 10mila preferenze ed è pronto al suo quarto mandato; con lui dovrebbero farcela anche gli ex sindaci di Orgiano, Marco Zecchinato, e Creazzo, Stefano Giacomin. E sempre nella lista Zaia, papabile di un posto in consiglio anche l'assessore al patrimonio del comune di Vicenza, Silvia Maino

Elezioni certa per Elena Donazzan (Fratelli d'Italia). Ma visto che, per legge, chi diventa assessore deve dimettersi dal ruolo di consigliere, ecco che potrebbe esserci spazio per un altro eletto in quota FdI e alla fine potrebbe spuntarla Joe Formaggio.

In casa Lega ampi consensi per Nicola Finco e Manuela Lanzarin, ma in giunta in lizza (nel caso di incarichi in giunta per Finco e Lanzarin) ci sono anche Milena Cecchetto, vicesindaco di Montecchio Maggiore e l'ex primo cittadino di Posina, Andrea Cecchellero.

 

Tra chi siederà sui banchi della minoranza, nonostante la pesante sconfitta del candidato del centrosinistra Lorenzoni, può sorridere Giacomo Possamai (Partito democratico) che ha raccolto oltre 11 mila preferenze. Alle sue spalle Chiara Luisetto che viaggia verso quota 9 mila.  

 

ORE 00.30 Sono lanciati verso l'elezione Elena Donazzan (Fratelli d'Italia) e Roberto Ciambetti (Zaia presidente), che sta trascinando con sé anche l'assessore del comune di Vicenza Silvia Maino. "Vede" il consiglio regionale anche Giacomo Possamai (Partito Democratico), mentre alle sue spalle lo rincorre Chiara Luisetto

Nella Lega, invece, è battaglia a quattro tra Nicola Finco, Manuela LanzarinAndrea Cecchellero e Milena Cecchetto. Sfida aperta anche in Fratelli d'Italia tra l'ex sindaco di Albettone Joe Formaggio e Vincenzo Forte.