Veneto

Baby sitter difende una bambina e viene uccisa

.
Teresa Scavelli, 46 anni
Teresa Scavelli, 46 anni

Uccisa, ammazzata di botte, da un uomo che è entrato nell’abitazione dove lei lavorava come governante e baby sitter. Uccisa mentre tentava di difendere la bambina che le era stata affidata e un’altra donna che in quel momento si trovava in casa  a San Gallo, nella svizzera tedesca.

 

Teresa Scavelli, 46 anni, calabrese di nascita e veronese d’adozione, ad Oppeano aveva lasciato il marito Salvatore Elia e i tre figli ormai grandi, Giuseppe, Simone (che vivono per conto loro) e Sarah (che vive con il papà), ed era andata in Svizzera a lavorare, dove aveva dei parenti.

 

Gli agenti arrivati sul posto hanno trovato l’aggressore che continuava ad accanirsi contro la povera donna. Gli hanno intimato di fermarsi, ma lui ha continuato a colpirla e agli agenti non è rimasto altro da fare che sparargli. L’aggressore, che poi si è scoperto essere un cittadino svizzero, è deceduto sul colpo.