Guerra in Ucraina

Crisi del grano: nave turca pronta a partire da Mariupol dopo i colloqui tra Mosca e Ankara

La guerra in Ucraina è arrivata al 118° giorno

Ore 16 - NAVE PRONTA A PARTIRE DA MARIUPOL. Una nave mercantile turca è in partenza dal porto di Mariupol in seguito ai colloqui sul grano con Mosca. Durante il colloquio è stato sottolineata l’importanza della cooperazione bilaterale tra Mosca e Ankara riguardo alla navigazione sicura nel Mar Nero, riporta Anadolu citando il ministero della Difesa russo, ed è stato trovato un accordo per permettere l’uscita dal porto di Mariupol di navi, tra cui l’imbarcazione turca Azov Concord.

 

Ore 14 - COLPITA RAFFINERIA RUSSA. Una delle più grandi raffinerie petrolifere della Russia meridionale - l'impianto di Novoshakhtinsk, nella regione di Rostov, a pochi chilometri dal confine ucraino - è stata colpita questa mattina da due droni che hanno provocato un incendio. Lo riferisce il servizio stampa della raffineria citato da Ria Novosti. Si registrano alcuni danni «causati dai rottami dei droni». Le fiamme sono state spente.

 

Ore 12 - BIDEN: «SOSPENSIONE TASSA SULLA BENZINA PER 3 MESI». Il presidente Usa Joe Biden ha chiesto chiedere al Congresso di sospendere la tassa federale sulla benzina per tre mesi per aiutare gli americani a fronteggiare l'aumento del prezzo. Lo riferisce la Casa Bianca in una nota. «Il prezzo del gas è aumentato drammaticamente in tutto il mondo e di quasi 2 dollari al gallone (3,7 litri) in America da quando Putin ha iniziato ad ammassare truppe al confine con l'Ucraina», si legge nel comunicato nel quale si annuncia anche che Biden hs chiesto anche ai governatori di sospendere le tasse locali sulla benzina.

 

Ore 10 - RUSSIA PRONTA A FORNIRE GRANO E FERTILIZZANTI AL MERCATO GLOBALE. La Russia potrebbe fornire circa 25 milioni di tonnellate di grano e almeno 22 milioni di tonnellate di fertilizzanti al mercato globale entro la fine dell'anno: lo ha reso noto il ministero degli Esteri russo, secondo quanto riporta Interfax.  Inta

 

Ore 8 - DAL CAMPO. L'esercito russo ha ottenuto dei successi nell'est dell'Ucraina. Lo ha reso noto lo Stato maggiore di Kiev, secondo quanto riportano i media locali, spiegando che le truppe di invasione hanno conquistato i villaggi di Pidlisne e Myrna Dolyna nel sud-ovest della città di Severodonetsk ed hanno ottenuto successi parziali vicino all'insediamento di Hirske nell'oblast di Luhansk. All'inizio della giornata di ieri Kiev aveva annunciato la resa del villaggio di Toshkivka, sulla linea del fronte orientale.

Oltre 1.300 tra soldati e mercenari ucraini sono circondati in queste ore a sud di Lysychansk, nell'Ucraina orientale: lo rende noto il ministero degli Interni dell'autoproclamata Repubblica di Lugask, secondo quanto riporta la Tass.

 

Leggi anche
Colloqui Mosca-Kiev e Onu sul grano a Istanbul. Draghi: «l’Italia vuole l’Ucraina nell’Ue»