Mondo

La Russia annuncia il referendum annessione delle regione occupate. Putin sfida l'Occidente

Le consultazioni volute dalla Russia avranno luogo dal 23 al 27 settembre nel Donetsk, Luhansk e nella regione ucraina di Zaporizhzhia. Gli indici della Borsa di Mosca sono crollati di oltre il 10% subito dopo l'annuncio.
Le consultazioni avranno luogo dal 23 al 27 settembre nei territori occupati dai russi in Ucraina
Le consultazioni avranno luogo dal 23 al 27 settembre nei territori occupati dai russi in Ucraina
Le consultazioni avranno luogo dal 23 al 27 settembre nei territori occupati dai russi in Ucraina
Le consultazioni avranno luogo dal 23 al 27 settembre nei territori occupati dai russi in Ucraina

Dal 23 al 27 settembre avranno luogo i referendum sull'annessione con la Russia nell'autoproclamata Repubblica di Lugansk, in quella di Donetsk e nella parte del territorio occupato dai russi della regione ucraina di Zaporizhzhia

L'annuncio del referendum «sull'ingresso della Repubblica popolare di Luhansk nella Federazione russa»

«I referendum nel Donbass sono di grande importanza non solo per la protezione sistemica dei residenti della Repubblica del Lugansk e del Donetsk e di altri territori liberati, ma anche per il ripristino della giustizia storica» così il vicepresidente del Consiglio di sicurezza russo, Dmitri Medvedev,  sul referendum di annessione nelle cosiddette repubbliche separatiste filorusse in Ucraina. «L'invasione del territorio della Russia è un crimine che consente l'uso di tutte le forze di autodifesa», aggiunge Medvedev, spiegando che per questo i referendum «sono così temuti a Kiev e in Occidente».

Il presidente ucraino Zelensky dopo l'annuncio dei referendum: «Il nemico ha paura»

«Ricatto ingenuo con minacce e storie dell'orrore di "referendum" e "mobilitazioni" di chi sa combattere solo contro bambini e persone pacifiche. Ecco come appare la paura della sconfitta. Il nemico ha paura, manipola primitivamente. L'Ucraina risolverà la questione russa. La minaccia può essere eliminata solo con la forza», così il capo dell'ufficio del presidente ucraino Zelensky, Andriy Yermak, commenta su Telegram l'annuncio di referendum nelle regioni occupate e l'inasprimento della Duma delle pene in caso ai renitenti alla leva di «mobilitazione generale».

Annuncio referendum: crollano gli indici della Borsa di Mosca

Gli indici della Borsa di Mosca sono crollati di oltre il 10% subito dopo l'annuncio dei referendum per l'annessione alla Russia nel Donbass e nella regione di Kherson. Successivamente c'è stata una parziale ripresa, con l'indice Moex che poco dopo le 15 ora locale (le 14 in Italia) segnava un arretramento di quasi l'8% e quello Rts in calo del 7,76%.