Mondo

Afghanistan, forte terremoto: i morti sono 1.500

In aggiornamento

Giovedì 23 giugno ore 19 - NUOVO BILANCIO DI 1500 MORTI.  «Aumentano a 1500 i morti per il terremoto in Afghanistan» lo scrive su Twitter la tv panaraba Al Jazeera senza precisare la fonte della notizia ma alzando così di 500 il numero di vittime finora annunciato.

 

Ore 13.30 - IL BILANCIO PROVVISORIO.  È aumentato ad almeno 1.000 il bilancio dei morti provocati dal terremoto che la notte scorsa ha colpito il sudest dell'Afghanistan, al confine con il Pakistan: lo ha reso noto una fonte ufficiale.

«Nelle scorse ore un terremoto ha provocato vittime e danni ingenti in Afghanistan: esprimo la mia vicinanza ai feriti e a chi è stato colpito dal sisma, e prego in particolare per quanti hanno perso la vita e i loro familiari. Auspico che con l’aiuto di tutti si possano alleviare le sofferenze della cara popolazione afghana». Lo ha detto papa Francesco al termine dell’udienza generale in piazza San Pietro, commentando le notizie del sisma che ha causato mille morti in Afghanistan.

 

Ore 8 - TERREMOTO IN AFGHANISTAN: 250 MORTI. Un terremoto di magnitudo 5.9 ha colpito ieri sera il sudest dell’ Afghanistan: la scossa, secondo l’Istituto geofisico statunitense (Usgs), è stata registrata a 44 km a sudovest di Khost, vicino al confine con il Pakistan. L’ipocentro è stato localizzato ad una profondità di 10 chilometri. Il bilancio è di 250 morti e di oltre 150 feriti: lo ha detto alla Bbc un funzionario del governo locale.

Il Centro Sismologico Euro Mediterraneo riporta che il terremoto è stato avvertito in un raggio di oltre 500 km, non solo in Afghanistan e Pakistan ma anche in India.