Il monitoraggio Iss

Rt Covid: con i vecchi parametri Veneto in "giallo". Zaia: «Oggi, però, non corriamo pericolo di cambio zona»

Venezia all'ora di cena e dell'aperitivo nelle scorse settimane (Foto Ansa)
Venezia all'ora di cena e dell'aperitivo nelle scorse settimane (Foto Ansa)
Venezia all'ora di cena e dell'aperitivo nelle scorse settimane (Foto Ansa)
Venezia all'ora di cena e dell'aperitivo nelle scorse settimane (Foto Ansa)

Schizza, questa settimana, il valore dell’indice di trasmissibilità del contagio Rt in Sardegna, raggiungendo il valore di 2.24 (rispetto a 1.12 della scorsa settimana). Le altre Regioni con il valore di Rt più alto sono il Veneto (1.67 rispetto ad un valore pari a 1.17) , le Marche (1.46 contro 0.92 di sette giorni fa) e la Liguria (1.45 contro 1.12)). Le Regioni che hanno invece i valori di Rt più bassi sono il Molise, dove Rt questa settimana è pari a zero, e la Basilicata (0.81).

Se non fosse stato previsto l’aggiornamento dei parametri nel nuovo decreto legge, sarebbero finite in zona gialla dalla prossima settimana la Sardegna, con 82,8 contagi su
100mila abitanti, Veneto (68,9), Lazio (68,8) e Sicilia (64,9). Sono queste quattro, infatti, le Regioni che nel periodo tra il 16 e il 22 luglio hanno superato la soglia dei 50 casi per 100mila abitanti. 

Il commento del governatore Luca Zaia oggi, venerdì 23 luglio, in conferenza stampa: «Il decreto legge che stabilisce le nuove regole di Sanità pubblica sposta l'incidenza. Noi siamo ancora distanti da questo, non siamo in "pericolo" di cambio zona».

 

RT NAZIONALE - L'Rt nazionale oltrepassa la soglia di 1 e si proietta a 1,55, cioè una persona con il virus oramai ne contagia più di un'altra. La scorsa settimana l'Rt era a 0,91. «Crescono da 2.267 a 2.958 i comuni con almeno un caso di Covid e l'incidenza mostra come in quasi tutte le regioni vi sia una marcata crescita. I casi crescono anche in Italia come in molti paesi europei». Lo ha detto il presidente dell'Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa al ministero della Salute sull'analisi dei dati del monitoraggio regionale della Cabina di regia.  «L'Rt si proietta a 1.55 e si sta abbassando l'età media dell'infezione a 25 anni e l'età media di ricovero in terapia intensiva a 55 anni». 

«Sta aumentando la quota della variante delta e sta progressivamente decrescendo la variante alfa. Dal 5 giugno al 19 luglio la mappa conferma questo dato». 

 

I casi corrono, con i nuovi indici alcune regioni soffrono (Ansa)

 

L'APPELLO - «Un appello agli over60 a vaccinarsi e anche agli over50 perchè i tassi di ospedalizzazione in queste fasce non sono banali. Va bene l'aumento delle vaccinazioni in atto, però un appello a farsi vaccinare è doveroso farlo proprio per evitare una eventuale congestione delle strutture ospedaliere nel momento in cui circola una variante molto contagiosa» aggiunge il direttore della prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza. «Si stanno studiando le esenzioni al green pass: ad esempio chi non può completare il ciclo vaccinale perchè magari ha avuto una reazione allergica grave alla prima dose del vaccino, e ci sono anche altri casi che stiamo studiando. Ci sarà una circolare in tempi brevissimi per arrivare pronti al 6 agosto». 

 

NEGLI OSPEDALI - Nessuna Regione e Provincia autonoma supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è stabile al 2%, con un lieve aumento nel numero di persone ricoverate che passa da 157 (13/07/2021) a 165 (20/07/2021). Il tasso in aree mediche a livello nazionale rimane al 2%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in lieve aumento: 1.128 (13/07/2021) a 1.194 (20/07/2021). 
Le ospedalizzazioni per Covid-19 sia in area medica che in terapia intensiva (nuovo indicatore) a livello nazionale sono rispettivamente al 2,1% e 2%. Lontano dalle soglie di zona gialla del 15 e 10 per cento. Ma alcune regioni sono già oltre il 5% per l'occupazione in area medica: Calabria 5,7% e Sicilia 5,2% per l'area medica. Il Veneto sopra la soglia di 50.

Suggerimenti