Italia

Aereo nel Tevere: recuperato il corpo del giovane allievo disperso

.
Daniele Papa, 23 anni
Daniele Papa, 23 anni

AGGIORNAMENTO MERCOLEDÌ 27 MAGGIO

 

È stato recuperato dai vigili del fuoco il corpo del ragazzo disperso nell’incidente di due giorni fa che aveva visto un piccolo velivolo biposto precipitare nel fiume Tevere a Roma, tra via Vitorchiano e l’aeroporto dell’Urbe. Ieri il corpo di Daniele Papa di 23 anni, era stato individuato dai sommozzatori dei vigili del fuoco all’interno della carlinga.

Il giovane, che era anche un esperto sub, non è riuscito a sganciare la cintura di sicurezza, come invece aveva fatto il suo istruttore. Come riporta il Messaggero, il pilota che viaggiava insieme al 23enne ha raccontato che che per ben due volte ha provato a disinserire la cintura mentre stavano per affondare e dopo, gettandosi sott’acqua. Ma non c'è stato nulla da fare.

L’operazione si è conclusa questo pomeriggio con il recupero anche del piccolo velivolo che si era inabissato ad una profondità di circa 10 metri.

 

L'allarme era scattato lunedì pomeriggio: dopo il decollo era stata segnalata un'avaria al motore e il biposto è sparito dai radar. Secondo quanto avrebbe riferito il pilota l'aereo ha perso quota ed è precipitato nel Tevere in un tentativo di ammaraggio. Sull'incidente è stata aperta un'inchiesta.

 

LUNEDÌ 25 MAGGIO. È stato tratto in salvo una delle due persone a bordo del velivolo che è caduto nel Tevere a Roma. Secondo quanto si è appreso, si tratterebbe dell’istruttore che è riuscito a uscire dall’aereo prima che si inabissasse. L’uomo è stato trasportato in ospedale. Sono in corso ricerche nel fiume della polizia, fluviale e vigili del fuoco per raggiungere l’altro passeggero, al momento disperso. Un elicottero sta sorvolando la zona. Tra le prime ipotesi, che ci sia stato un tentativo di ammaraggio da parte del pilota prima che il velivolo si inabissasse.