Italia

La confessione choc: «Ho lasciato cadere Samuele, poi ho mangiato una pizza»

Il gip di Napoli, Valentina Gallo, ha convalidato il fermo emesso sabato scorso dalla Procura di Napoli nei confronti di Mariano Cannio, 38 anni, accusato dell’omicidio del piccolo Samuele, il bimbo precipitato nel vuoto venerdì scorso in via Foria a Napoli. Stamattina, nel corso dell’udienza di convalida, l’uomo ha reso parziali ammissioni riguardo all’accaduto.

«Ad un tratto l’ho preso in braccio e sono uscito fuori al balcone .... giunto all’esterno con il bambino tra le braccia mi sono sporto e ho lasciato cadere il piccolo. Ho immediatamente udito delle urla provenire dal basso e mi sono spaventato consapevole di essere la causa di quello che stava accadendo...». Sono parole da brividi quelle pronunciate da Mariano Cannio, il 38enne accusato dell’omicidio del piccolo Samuele, precipitato nel vuoto venerdì scorso a Napoli, mentre rendeva sommare informazioni: «Sono fuggito a casa e - ha poi aggiunto - sono andato a mangiare una pizza nella Sanità».

Leggi anche
Bimbo di quattro anni caduto dal balcone: domestico fermato per omicidio

Suggerimenti