<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Il sopralluogo

Frana tra Lastebasse e Folgaria, la strada riapre tra un mese

Un nuovo cedimento, legato al maltempo di questi giorni, ha interessato la strada SS350 che collega le province di Vicenza e Trento
Sopralluogo lungo la SS350
Sopralluogo lungo la SS350
Sopralluogo lungo la SS350
Sopralluogo lungo la SS350

Aggiornamento martedì 13 febbraio

Ci vorrà almeno un mese per la riapertura della SP350 a Lastebasse, l’arteria di collegamento con Folgaria chiusa da lunedì mattina (12 febbraio) a causa di una frana che ha interessato località Busatti, nel territorio trentino. Il presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti ha effettuato oggi un sopralluogo con i tecnici: «Nei prossimi dieci giorni la demolizione del masso, poi i disgaggi e la sistemazione della strada» le sue parole.

Già da domani (mercoledì 14 febbraio) saranno in parete i rocciatori per cominciare il lavoro di disgaggio e demolizione delle rocce instabili che sovrastano la SS350 di Folgaria e Valdastico, così da consentire la successiva messa in sicurezza, sistemazione e quindi riapertura della sede stradale.

La frana è avvenuta nella notte fra domenica 11 e lunedì 12 febbraio, dopo l’episodio del 4 novembre che aveva reso necessario un primo intervento di messa in sicurezza. «Occorre demolire un masso di circa 380 metri cubi e poi intervenire nella zona interessata, un’attività che richiederà circa una decina di giorni - così il presidente Fugatti nel sopralluogo-. Fatto questo primo passo, potremo capire meglio i tempi che serviranno per mettere in sicurezza il versante, riutilizzando o meno - questo lo accerteranno gli approfondimenti tecnici - parte dei lavori effettuati per le barriere di protezione realizzate per la frana precedente e che sono state danneggiate dal nuovo crollo».

 

 

***

 

Lunedì 12 febbraio

La montagna frana ancora, sopra Lastebasse. Dopo la devastante frana dello scorso novembre, e la riapertura in tempi record, dopo lavori milionari, un nuovo movimento franoso ha investito la notte scorsa la strada provinciale 350, che collega il Vicentino con il Trentino. Grossi massi hanno invaso la carreggiata al km 26, sempre sopra località Busatti di Lastebasse, ma in territorio del comune di Folgaria.


 

Immediata la chiusura dell'importante arteria, con l'invito di raggiungere Trento o per Tonezza del Cimone o per Asiago. Il nuovo cedimento, legato al maltempo di questi giorni, di fatto interessa il tratto tra Lastebasse e Folgaria e ha trascinato con sé ancora una volta massi di grandi dimensioni che hanno sfondato le reti di protezione posizionate per evitare nuovi crolli.

Leggi anche
Frana sulla 350, fatto saltare un tratto di parete pericolante / VIDEO

 

Si paventato gravi danni, non solo per il turismo, ma anche per tutte le attività e gli operatori delle attività commerciali e artigianali, molti dei quali sono pendolari.

La strada è chiusa in attesa delle verifiche dei tecnici. Vi.Abilità ha già provveduto a posizionare idonea segnaletica stradale per indicare la chiusura e le deviazioni necessarie per raggiungere il Trentino.


Leggi anche
La mappa delle strade “malate” nel Vicentino. Intanto riapre la via per Trento

Suggerimenti