<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Mondo

Cuba, manca la farina. A rischio il pane del "libretto" per le famiglie

Il governo cubano non potrà garantire fino alla fine di marzo il pane offerto alla popolazione tramite il libretto di approvvigionamento

Il governo di Cuba, attraverso il ministero dell'Industria alimentare, ha riconosciuto che, a causa della carenza di farina di frumento, non potrà garantire fino alla fine di marzo il pane offerto alla popolazione tramite il libretto di approvvigionamento. «Nei prossimi giorni la produzione del pane sarà gravemente colpita in ogni territorio, a causa dell'instabilità nell'approvvigionamento delle materie prime» ha spiegato il direttore commerciale dell'Empresa de Molineria (l'azienda statale produttrice di semole), Zaily Pérez Hernández.

L'isola importa circa l'80% dei prodotti che consuma

Negli ultimi anni Cuba ha stretto accordi con Paesi alleati, come la Russia, per garantire l'ingresso della farina di frumento per fare il pane, alimento base della dieta cubana. Il Paese caraibico possiede cinque mulini per la lavorazione del grano: tre all'Avana, uno a Santiago de Cuba (est) e un altro a Cienfuegos (sud-est). Al momento quest'ultimo è l'unico in funzione e produce solo 250 tonnellate di farina al giorno. Cuba ha bisogno di 20mila tonnellate al mese solo per produrre il pane per il paniere familiare regolamentato.

La crisi con la distribuzione del pane coincide con il ritorno dei blackout dovuti alla penuria di carburante negli ultimi due mesi. L'azienda statale Unión Eléctrica (Une) ha stimato che ieri si siano verificati interruzioni di energia simultanee in quasi il 32% dell'isola nelle ore pomeridiane e serali, orari di maggior consumo.

Il tutto nel momento in cui il gioiello caraibico è colpito da una grave recessione economica, accentuata negli ultimi anni, oltre che dalle sanzioni Usa, anche dalla pandemia.

   

Suggerimenti