Abbinata di preludi corali all’organo in San Giuliano

Quarto appuntamento di Una Pasqua con Bach

Un’abbinata di brani per organo animerà il quarto appuntamento di Una Pasqua con Bach, l’iniziativa del Giornale di Vicenza realizzata assieme a Margherita Dalla Vecchia. Da oggi il sito del giornale (www.ilgiornaledivicenza.it) ospita il video in cui l’organista vicentina esegue alla chiesa di San Giuliano il preludio corale Kyrie, Gott Vater in Ewigkeit (Kyrie, Dio Padre in eterno) BWV 672, che adatta la melodia del Kyrie, fons bonitatis latino, e il preludio corale BWV 721 basato sull’inno Erbarm’ dich mein, O Herre Gott! (Abbi pietà di me, Signore!) attribuito a Erhart Hegenwalt, un contemporaneo di Lutero.

Anche il testo del secondo inno in realtà ha un antecedente latino, il Salmo 51, noto in traduzione come Miserere, una supplica a Dio perché sia misericordioso verso l’uomo peccatore.

Bach ne rielabora la melodia in un preludio corale giovanile che suscitò qualche problema di attribuzione. La semplicità dello stile, che il Cantor non avrebbe più ripreso, indussero un organista ed esperto bachiano come Albert Schweitzer, il noto medico che vinse il Nobel per la Pace per aver portato cure e conforto in Africa, a metterne in dubbio la paternità. Altri studi però confermarono che questo unicum fu scritto proprio da Bach. Il preludio corale sul Kyrie è invece un’opera della maturità, inserita nella terza parte della Clavier-Übung (Pratica tastieristica), nota anche come messa d’organo luterana.

I due lavori saranno valorizzati dall’organo a trasmissione meccanica costruito da Giovanni Battista De Lorenzi nel 1843 che sostituì il precedente strumento settecentesco realizzato da Filippo Martinotti.

F.L.

Altri video