Venezia poco glam, meno divi nell'anno del covid