Un polar al femminile nella violenta Roubaix