Giuseppe Spatola racconta inferno e realtà del Covid