Hikikomori, i giovani che non escono di casa