VicenzaOro

Il collezionista di Omega Speedmaster. La storia di un'icona che è andata sulla Luna / Il video

L'incontro Andrea Foffi a VicenzaOro che ha dedicato anche un ultimo libro alla collezione Speedmaster di sua proprietà.
L'intervista al collezionista Andrea Foffi (Bonacini)

Si è guadagnato fama mondiale per la sua passione e le sue vaste conoscenze in materia di orologi vintage, in particolare per l’Omega Speedmaster. Andrea Foffi, titolare dell’azienda italiana Vintage Watches & Cars, ha dedicato anche un ultimo libro alla collezione Speedmaster di sua proprietà. Con lui, Il Giornale di Vicenza, è andato alla scoperta di come si diventa un appassionato di segnatempo e ha cercato di capire cosa rende i modelli Omega così speciali. Uno Speedy degli anni ’50 è, in effetti, ancora oggi un orologio perfettamente contemporaneo. 

Andrea Foffi, che a Vo Vintage - evento aperto al pubblico dedicato a tutti i collezionisti e gli appassionati di orologi - ha portato 28 modelli della sua collezione "Magister Speedmaster", dedicata ai più celebri modelli Omega, ha esposto nelle sue vetrine anche il primo modello di Speedmaster del 1957, il modello che nel 1969 andò sulla luna al polso di Buzz Aldrin e la sua replica prodotta a cinquant'anni dall'allunaggio. Ma anche quelli dedicati nel 1967 alla serie animata giapponese Ultraman e alla "mascotte" degli astronauti sulla luna: Snoopy. «Era il loro portafortuna - racconta - per questo lo portavano nelle missioni e anche sulla luna. L'orologio è in tre modelli, sempre con un piccolo Snoopy nella contatore dei secondi, uno dei quali è ancora prodotto». 

Foffi ha raccontato dell'uso dello Speedmaster nelle missioni spaziali come equipaggio della Nasa, incluso il primo sbarco sulla luna. E la storia della prima versione Omega Speedmaster del 1957 ad opera di Claude Ballot.

 

Maria Elena Bonacini