Vicenzaoro

Brilla T.Gold con le macchine per oreficeria

Il presidente Barettoni: «Urgente costruire il nuovo padiglione, il sogno sarebbe entrare per gennaio 2025»
T.Gold, oltre le aspettative anche il salone delle macchine per oreficeria
T.Gold, oltre le aspettative anche il salone delle macchine per oreficeria
Pierluigi Barettoni, presidente di Afemo

Una fiera eccezionale, che ha superato anche le già ottimistiche aspettative. E la speranza di vedere presto il progetto e la partenza dei lavori. Pierluigi Barettoni, presidente di Afemo, l'associazione che riunisce i fabbricanti ed esportatori di macchine per l'oreficeria italiani, è molto soddisfatto dei risultati di T.Gold, il salone dei macchinari, anch'esso tornato alla data di fine gennaio, considerata molto più congeniale al suo settore.

«Le aspettative alla vigilia erano ottimistiche - spiega -. Pensavamo che la fiera e l'affluenza sarebbero state buone, visto anche il trend positivo del 2022, ma questa edizione è stata veramente eccezionale, andando oltre le più rosee previsioni. Abbiamo avuto presenze da tutto il mondo e l'assenza della Cina a causa della pandemia e del Capodanno non è stata rilevante. Sono arrivati invece molti operatori da Nord Africa, Europa, Usa e Sud America, in particolare Colombia, Brasile e Perù».

T.Gold, insomma, si conferma il salone leader globale del settore, nel quale spiccano le aziende italiane - 60 quelle presenti all'evento - che lavorano con tutto il mondo. E che hanno vissuto un 2022 decisamente positivo, nonostante le complicazioni dovute alle materie prime. «L'anno scorso abbiamo avuto un'ottima annata, anche se abbiamo avuto un aumento dei costi e difficoltà a reperire le materie prime, che hanno fatto slittare le consegne. Adesso - aggiunge - la situazione sta migliorando, pur con un incremento dei costi dovuto all'inflazione e, se non si bloccherà nuovamente la Cina, che produce molti componenti elettronici necessari, andiamo verso una normalizzazione».

La sua speranza ora è che dopo l'ampliamento con le tensostrutture arrivino presto i lavori annunciati da Cagnoni. «T.Gold è il salone dei macchinari più importante al mondo - aggiunge Barettoni - ma è penalizzato da un padiglione inadeguato. La Fiera fa il possibile e abbiamo apprezzato l'allestimento della tensostruttura, ma è urgente costruire il padiglione nuovo o questo rischia di andare a discapito del successo della manifestazione. Adesso aspettiamo di vedere il progetto e di avere dati certi riguardo alle tempistiche. Il sogno sarebbe di poter entrare a gennaio 2025».

Con una struttura più ampia e moderna, infatti, è convinto che le possibilità di sviluppo siano importanti. «Siamo leader mondiali e T.Gold ha le potenzialità per crescere ancora se ci saranno i servizi - evidenzia infine il presidente di Afemo -. Bisogna sfruttare questo trend positivo per far crescere la fiera».

Maria Elena Bonacini