Sostenibilità e welfare aziendale

Plaber, quando sostenibilità vuol dire anche welfare

L’azienda bassanese di contenitori tecnici ad alta resistenza mette al centro il benessere psico-fisico dei dipendenti grazie a formazione e relazioni e favorendo orario flessibile e occupazione femminile
By Athesis Studio

Sono le parole d’ordine di Plaber, azienda leader nella produzione di contenitori tecnici ad alta resistenza, declinate in prodotti di lunghissima durata e 100% riciclabili e in una importante attenzione al benessere dei dipendenti. Nell’azienda ai piedi del Monte Grappa, presente in 80 paesi in tutto il mondo e con una filiale in New Jersey (USA), uno stile di vita sano e green è incentivato da agevolazioni per i lavoratori e buone pratiche aziendali, dalla formazione al nuovo servizio mensa.

Ho sempre pensato che fosse indispensabile in azienda parlare lo stesso linguaggio – spiega Davide Bertossi, ad di Plaber – e che fosse incongruente porsi macro obiettivi di sostenibilità se poi lo stile di vita delle persone che dovrebbero contribuire a quell’obiettivo non va nella stessa direzione. Abbiamo cercato di costruire uno spazio coerente di relazioni, di esperienze e di opportunità, dove tutto (e tutti), dall’ambiente alle attività proposte, convergesse in una visione comune di responsabilità ambientale, sociale e personale, a partire dai vertici e per tutte le aziende del gruppo”.

I dipendenti della sede di Bassano del Grappa, per il 67% donne che ricoprono il 67% delle posizioni apicali, nel 2022 hanno potuto scegliere, nell’orario di lavoro, fra oltre 600 ore di formazione nei campi più diversi e indipendenti dalla propria qualifica: corsi di marketing, organizzazione aziendale e delle risorse umane, amministrazione e finanza, ma anche corsi di scrittura creativa e di crescita personale, con l’obiettivo di aprire la mente verso nuovi orizzonti. Il risultato è stata una partecipazione attiva e convinta e la scoperta, per alcuni, di impensabili interessi e talenti che hanno portato anche ad inedite soluzioni in azienda.

L’attenzione alle relazioni si sviluppa in un ambiente spazioso e curato, dove i dipendenti possono coltivare soprattutto rapporti e ricaricare le energie, grazie anche ad una dieta sana e bilanciata. Di recente infatti è stato attivato un servizio mensa gratuito per tutti i dipendenti a cura di una cooperativa locale: ricco menu ma attenzione alla combinazione dei cibi, con il giusto apporto di calorie.

La salute è salvaguardata anche da check-up gratuiti, come il percorso di fisioterapia attivato direttamente in azienda per la riabilitazione muscoloscheletrica, allo scopo di prevenire malattie professionali e infortuni.

Le 40 ore settimanali di lavoro sono distribuite in 8,5 ore giornaliere per permettere di alzarsi dalla scrivania alle 14.00 di ogni venerdì ed inaugurare il weekend lungo…Agevolazione che si aggiunge ad una flessibilità nell’orario di lavoro, scandito da una app per smartphone che ha definitivamente abolito l’obsoleta timbratura del cartellino.

Inoltre, il 24% dei dipendenti usufruisce di un contratto di lavoro part-time, a supporto dell’organizzazione familiare e a discapito di stress e costi sociali.