<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Pallone d'argento

Elquasimi, il parrucchiere del gol che segna durante il Ramadan

di Felice Busato

Durante il Ramadan, mese di digiuno della religione islamica, ha realizzato il 3 aprile persino una doppietta nel recupero della gara vinta per 3-2 contro il Coelsanus l'attaccante marocchino Faycal Elquasimi, classe 1996, in forza quest'anno al Grancona in Seconda categoria di cui è il cannoniere della squadra con 6 gol all'attivo.

«Un periodo di rinuncia a cibo e acqua dall'alba al tramonto che osservo dall'età di 14 anni e che non mi pesa affatto sull'attività lavorativa e calcistica» spiega col suo buon italiano Faycal, di fede milanista con idolo Kakà, che si descrive come un attaccante «molto veloce».

Nato a El Kelaa Des Sraghna, città di quasi 70 mila abitanti non lontano da Marrakech, Faycal Elquasimi ha iniziato a giocare a calcio a 6 anni nella squadra locale facendo un po' tutta la trafila fino a 17 anni tra gli juniores quando ha smesso per frequentare la scuola di parrucchiere. Nel 2017 a 21 anni decide di lasciare il Marocco per cercare lavoro in Italia dove abitavano già i nonni e due sorelle trasferendosi a S. Bonifacio, dove trova occupazione come parrucchiere con una parentesi come magazziniere. «Una realtà veneta in cui mi sono trovato subito bene grazie anche alla presenza di diversi parenti in zona , stringendo diverse amicizie e ben apprezzando anche la cucina italiana con mio piatto preferito le lasagne» spiega Faycal.

La riscoperta passione per il pallone lo porta a giocare nel calcio a 5 con l'Hellas, poi col Villabella e infine con l'Illasi in serie D, quindi grazie ad un cugino sostiene un provino col Lonigo (comune dove è andato ad abitare cinque anni fa) tornando così al calcio a 11 e disputando in maglia biancoceleste due campionati in Seconda dove realizza rispettivamente 10 e 11 gol. La scorsa estate si trasferisce al Grancona seguendo il tecnico Roberto Perlotto, «un bell'ambiente familiare, purtroppo un infortunio alla caviglia mi ha tenuto fuori per cinque giornate dell'andata, ma comunque con un bel girone di ritorno abbiamo già raggiunto l'obiettivo della salvezza,» spiega Faycal. Sul piano professionale «l'aspirazione è di mettermi in proprio come parrucchiere appena acquisirò la licenzia italiana frequentando una scuola a Verona» conclude l'attaccante, che da tre anni è insieme a Patrizia che l'ha reso padre sei mesi fa di Leila, con matrimonio dietro l'angolo.