IL 1965: UN ANNO DA INCORNICIARE

Quando la Portorico basket Vicenza vinceva lo scudetto contro Torino

Portorico Vicenza in Basilica Palladiana (foto Pellizzaro)
Portorico Vicenza in Basilica Palladiana (foto Pellizzaro)
Portorico Vicenza in Basilica Palladiana (foto Pellizzaro)
Portorico Vicenza in Basilica Palladiana (foto Pellizzaro)

L'11 aprile 1965 rappresenta una data storica per la pallacanestro femminile vicentina. Battendo nello spareggio al PalaLido di Milano la Fiat Torino con il punteggio di 58-53, la Portorico Vicenza si laurea infatti per la prima volta campione d'Italia ed inaugura una serie di cinque scudetti consecutivi. Le cestiste che compiono l'impresa sono Luciana Bortolotto, Roberta Colla, Mirella Faggionato, Ivana Franzon, Marisa "Biba" Gentilin, Maria Medin, Nidia Pausich, Nicoletta Persi, Franca Rigodanza e Sonia Verdi, guidate in panchina da Antonio Concato. Ma la notizia curiosa è un'altra. Per 5 anni e mezzo, dal novembre 1960 fino all'aprile 1966, il "parquet" dell'As Vicenza (e dei colleghi maschi) era la Basilica Palladiana: il primo campo regolare al coperto della città a cui si accedeva dalla scalinata esterna e che fece quindi da suggestiva cornice ai primi due scudetti del quintetto berico, visto che la squadra si trasferì poi in Piarda Fanton nel settembre 1966. Un'epopea descritta da Antonio Di Lorenzo (con i contributi di Nicoletta Martelletto e Vladimiro Riva) nel volume "Merita un monumento - Seicento anni di vita all'ombra della Basilica Palladiana" (edito da Terra Ferma nel 2013) e soprattutto da Roberto Pellizzaro nel libro "Antonio Concato - La leggenda del basket femminile. Quando Vicenza trionfava in Italia e in Europa" (Sporteditore, 2019). Il debutto della Portorico avvenne domenica 20 novembre 1960 contro le campionesse d'Italia dell'Udinese. Va precisato che ai quei tempi la Basilica ospitava anche altri eventi: feste studentesche, sfilate di moda ed il celebre concerto di Mina nel settembre del 1966. Nello stesso anno la società delle terme Recoaro prende il posto del Portorico Caffè come sponsor. Segue l'arrivo in panchina nel 1967 di Zigo Vasojevic. Al gruppo delle vincitrici del primo scudetto si aggiungono intanto, tra le altre, Rosy Bozzolo, Marisa Milocco e due giovani promesse che faranno da anello di congiunzione tra le due ere più gloriose della pallacanestro femminile vicentine e saranno protagoniste dell'ancora più lungo ciclo degli anni Ottanta: Wanda Sandon e Lidia Gorlin. Per la cronaca, l'As Vicenza, prima con il marchio Portorico e poi con quello della Recoaro, superò due volte allo spareggio la Fiat Torino e precedette in tre occasioni nella classifica finale la Standa Milano

ANLAZ