TOURNÉE NEGLI USA E IN URSS

Il Lane vinse la Guerra fredda

Gli anni sessanta del secolo scorso scorrevano spensierati. L'Italia era in pieno boom economico quindici anni dopo la tragedia del secondo conflitto mondiale. I televisori erano nelle case degli Italiani, in Inghilterra i Beatles a Liverpool stavano diventando la band musicale che avrebbe rivoluzionato la musica. Negli Stati Uniti nel 1962 usciva il primo numero dell'Uomo Ragno. Nel mondo vi erano due superpotenze, gli Stati Uniti d'America presieduti dal 1963 da John Fitzgerald Kennedy e l'Unione Sovietica dove il segretario generale del partito comunista era Nikita Chrushëv sino al 1964; poi arrivò Leonid Breznev. In quel periodo il Lanerossi Vicenza che all'epoca era una presenza fissa nel massimo campionato italiano partecipò a molte sfide internazionali: Torneo Anglo Italiano, Coppa Mitropa e amichevoli con squadre blasonate come lo Standard Liegi, il Benfica e lo Spartak Mosca. Girò il Mondo dall'Inghilterra, alla Jugoslavia alla Polonia andando a giocare anche due volte negli Stati Uniti d'America a New York e Chicago e altre città. Arrivò anche in Canada e una volta in Urss giocando contro la Nazionale Sovietica che si preparava ai Mondiali di Inghilterra nel 1966. La stagione 1963-64 era terminata da una settimana con la partita pareggiata con il Mantova. Il Lanerossi che si era classificato sesto prima del rompete le righe partì alla volta degli Stati Uniti per partecipare ad un torneo calcistico. Un' esperienza mai fatta prima dalla squadra berica. La tournée denominata International Soccer League Tournament era divisa in due sezioni, il primo torneo dove partecipava il Vicenza durava dal 31 maggio al 25 giugno. In questo periodo i biancorossi giocarono a New York, a Chigago nell'Illinois e a Chicopee nel Massachusetts, sfidando squadre internazionali. Gli avversari dei berici erano i brasiliani dell'Esporte Club Bahia da Salvador, in quella stagione secondi in campionato, sconfitti dal Santos di Pelè nella finalissima e i tedeschi del Werder Brema che nella stagione seguente avrebbero vinto il campionato guidati dal tecnico Willi Multhaup. Dalla Gran Bretagna gli Inglesi del Blackburn Rovers del bomber irlandese Andrew McEvoy capocannoniere della Frist Divison nel 1965 e gli Scozzesi di Edimburgo della squadra protestante della città Hearts of Midlothian classificatosi secondi in campionato. L'altro girone composto da squadre europee iniziava il 5 Luglio e terminava il 25 luglio, le vincitrici di ogni raggruppamento si sarebbero sfidate per aggiudicarsi la coppa. Il Lanerossi Vicenza guidato dall'allenatore Manlio Scopigno era partito alla volta degli States con tutta la rosa al completo. Oltre al calcio per la squadra fu anche una gita per vedere gli Stati Uniti; ciò è testimoniato anche dalle foto di De Marchi, Menti e Savoini a passeggio sorridenti per le vie di Chicago; fu proprio nella città dell'Illinois che il Lane scese in campo contro i tedeschi del Werder Brema il 6 giugno. La sfida terminò 1-1, il portoghese Humberto aprì la sfida e all'82' Schmeczek pareggiò. Dopo un altro pareggio contro l'Hearts per 1-1 arrivò la prima vittoria contro il Blackburn Rovers al Dowing Stadium di New York , Vastola, Vinicio e Dell'Angelo furono gli artefici del successo. Il Lane si ripetè anche contro i brasiliani del Bahia battuti con due reti di scarto; Humberto e Vinicio parlavano portoghese. La fortuna del Lane si fermò a Chicopee vi fu una sconfitta contro gli Hearts e a New York l'ultima partita contro il Werder Brema terminò 6-4 per i tedeschi occidentali; Vastola segnò tre reti, una Gigi Menti sul punteggio di 4-5, poi Schmeczek chiuse la gara. I biancoverdi si classificarono primi e persero la finale contro i polacchi dello Zaglebie Sosnowiec vincitori dell'altro girone. Due anni dopo, nel Maggio 1966, il Lanerossi di Aldo Campatelli con il super bomber Vinicio che aveva appena conquistato il primo posto nella classifica cannonieri, oltrepassò la cortina di ferro per disputare una serie di amichevoli contro squadre del blocco sovietico. In programma vi era un' amichevole con la Dinamo Kiev come ricorda la stampa dell'epoca, ma per qualche motivo non conosciuto saltò. Il primo avversario del Lanerossi fu la Nazionale Under 21 polacca. Dopo questa sfida il convoglio si diresse a Mosca capitale dell'Unione Sovietica; gli avversari del Vicenza nei giorni moscoviti furono la Torpedo Mosca e la Nazionale maggiore Sovietica dalla maglia rossa con la scritta CCCP sul petto che si apprestava a partire per il Mondiale in Inghilterra. Dalla Grande Mela a Mosca l'entusiasmo della squadra era lo stesso e la comitiva oltre a pensare alle partite si godeva anche la gita nella Piazza Rossa e al Cremlino.
Le gare si disputarono entrambe allo stadio Lenin di Mosca, attuale stadio Luzniki. La prima si giocò il 25 maggio davanti a 30.000 spettatori contro la Torpedo, il Vicenza fu subito in vantaggio grazie a Mario Maraschi, poi a otto minuti dal termine dei primi 45' Lenev pareggiò. Nel secondo tempo i bianconeri locali dilagarono con tre reti firmate da Cervakov, Sergheev e Breznev. Tre giorni dopo davanti a 55.000 spettatori il Lanerossi sfidava la corazzata Unione Sovietica. I sovietici tennero a riposo la loro stella il portiere Lev Jasin detto il ragno nero e schierarono il suo vice, il georgiano Kavasaskvili. Dopo 14' l'azero Banjscevskj ( che al mondiale segnò conto la Corea del Nord) battè Luison per la prima rete; 11 minuti dopo il bielorusso Malfjev (Malafeeu) portò a due le reti di distacco al 37' il biancorosso Colausig portò le squadre sul 2-1. Nel secondo tempo i calciatori sovietici trovarono il vantaggio nuovamente con Banjscevskj e al 66' il forte attaccante ucraino-ungherese Sabo in forza alla Dinamo Kiev segnò la quarta rete. Al 70' Vinicio accorciò le distanze e la gara si chiuse sul 4-2. Fu comunque una bella prestazione contro la Nazionale Sovietica che fu protagonista ai mondiali inglesi del 1966. Ad eliminare la Nazionale di Mosca fu la Germania Ovest (poi seconda al Mondiale). I russi si classificarono quarti dopo aver perso la finale di consolazione contro il Portogallo. Gli anni sessanta erano ormai alle spalle, il Lanerossi aveva disputato altre amichevoli internazionali partecipando anche al Torneo Anglo Italiano. Nel Maggio del 1971 a sette anni di distanza i biancorossi partirono nuovamente alla volta degli Stati Uniti per giocare contro squadre locali. Il calcio in America stava diventando fenomeno di massa e nel 1968 fu istituita la Nasl (North American Soccer League). I Berici di Ettore Puricelli e Berto Menti partirono per disputare nove amichevoli tra il Canada e gli Stati Uniti. Il Lanerossi vinse cinque partite; la prima fu una goleada contro una delle squadre simbolo del calcio americano i New York Cosmos battuti per 5-3 con reti di Maraschi, Scala e Faloppa. In Canada a Toronto e Montreal vi furono delle larghe vittorie contro l'Olimpic Montreal e il Toronto Meteors. Tornati negli Usa pareggiarono a Dallas contro il Dallas Tornado, vi furono poi quattro sconfitte l'ultima contro l'altra squadra ospite il Rotweiss Essen dalla Germania. Della trasferta statunitense le immagini più belle sono quelle del sior Berto Menti e di suo nipote Gigi in posa con i tifosi in gran parte italo-americani che in quelle giornate riempirono i campi dove il Lanerossi giocava.

Alessandro Lancellotti