<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
a tavola

Attenzione alle calorie, l'importanza dell'acqua e degli integratori

Seguire un'alimentazione sana ed equilibrata è importante ad ogni età. Occorre tenere presente poi che in ogni fase della vita abbiamo esigenze nutrizionali diverse: oltre i 40 anni, ad esempio, l'occorrente di calorie e di proteine diminuisce gradualmente di circa il 5 % ogni 10 anni sino ai 60 anni d'età e diventa quanto mai importante seguire un regime alimentare equilibrato e completo nei principali nutrienti. Questo perché il dispendio energetico si riduce progressivamente nel tempo a causa del calo del metabolismo basale e per la riduzione dell'attività fisica.

Il giusto regime alimentare dell’anziano dovrebbe fornire in media circa 2000-2100 calorie nell’uomo e 1500-1600 calorie nella donna, ripartite in carboidrati (glucidi o zuccheri) per il 55%;  proteine per il 25% e grassi per il 20%. All’apporto glucidico, protidico e lipidico deve poi accompagnarsi una ricca selezione di vitamine (in particolare A, B1, B2, B12, PP, C) e di sali minerali (in particolare calcio, fosforo e ferro).

Ecco perché oltre a regolare l’alimentazione, può essere opportuno chiedere consiglio al farmacista di fiducia su eventuali integratori in grado di garantire il necessario apporto di queste sostanze.

Tra gli alimenti consigliati si possono citare il pesce (ricco di acidi grassi polinsaturi), il latte (per il contenuto di calcio), i legumi (che aiutano a contrastare il colesterolo) e la frutta secca oleosa (ottima fonte di acidi grassi essenziali).

È molto importante infine un corretto apporto di acqua alla propria alimentazione. Purtroppo però gli anziani avvertono meno la sensazione di sete. Per mantenere una buona funzionalità renale, idratare la pelle e prevenire il rischio di stipsi è opportuno dunque bere regolarmente almeno otto bicchieri d’acqua al giorno, da aumentare opportunamente nella stagione più calda, quando al normale fabbisogno si aggiunge la necessità di compensare la maggior perdita di liquidi dovuta alla sudorazione.