<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Adeguamento antisismico

Difendere casa dai terremoti è possibile

In Italia il rischio è concreto

Nell’adeguamento antisismico degli immobili residenziali rientrano un insieme di misure e interventi progettati per migliorare la resistenza di un edificio agli effetti di un terremoto. In questo ambito, uno degli interventi chiave è il rinforzo strutturale: rafforzare gli elementi portanti dell’edificio, come colonne, travi e fondazioni per migliorare la loro capacità di resistere alle forze sismiche è fondamentale. Ciò può coinvolgere l’aggiunta di nuovi elementi strutturali o il rinforzo di quelli esistenti. Rinforzare le pareti per migliorare la resistenza dell’edificio può può comportare l’aggiunta di elementi di rinforzo strutturale o l’uso di tecniche come l’iniezione di resine o l’installazione di reti metalliche. Spostiamo ora l’attenzione su un’altra tipologia di interventi, ancora più invasivi e di elevata caratura tecnologica: l’installazione di sistemi di isolamento sismico per ridurre la trasmissione delle forze telluriche ricevute dall’edificio durante un sisma. Questi sistemi possono includere ammortizzatori, isolatori e altri dispositivi che consentono all’edificio di muoversi in modo più indipendente rispetto al terreno circostante durante un terremoto. Questa tipologia di interventi, particolarmente onerosa, è molto diffusa in Giappone, paese all’avanguardia nel mondo degli interventi antisismici.