Sessant'anni di Mipel Play

Tra sostenibilità, digitalizzazione, ricambio generazionale e aggregazione

By Athesis Studio

Grande successo, dopo un anno di assenza fisica, per Mipel, il più importante evento internazionale dedicato alla pelletteria e all’accessorio moda, tornato in versione fisica dal 19 al 21 settembre 2021. La centoventesima edizione del salone, ospitato fino a ieri in FieraMilano- Rho, ha visto come momento clou la presentazione delle collezioni SS 2022.

È stata un’edizione importante, quella dei sessant’anni, ribattezzata Mipel Play, a richiamare il mondo dello sport, con un allestimento speciale che ha riprodotto una pista di atletica sul perimetro della manifestazione e con campi da tennis e da basket. Un modo per celebrare un’estate di trionfi sportivi e restituire un’immagine moderna e affascinante del movimento Made in Italy, abbattendo tutti gli stereotipi. Proprio per sottolineare il forte legame esistente tra business, voglia di ripartire e rimettersi in gioco, superare i limiti e la sana competizione internazionale, lunedì 20 settembre è stata organizzata un’intera giornata dedicata ai campioni olimpici che tanto hanno fatto sognare il “Bel Paese” questa estate.

Mipel ha presentato un calendario di eventi ideato per realizzare momenti di incontro e di business tra buyer e brand e momenti di discussione su alcuni dei temi principali cari oggi al sistema del fashion e più in particolare alla filiera di appartenenza: la sostenibilità, la digitalizzazione, il ricambio generazionale, l’aggregazione.