Upcycling

Una sola parola d'ordine, sostenibilità ambientale

By Athesis Studio

Parola d’ordine: sostenibilità, che si concretizza, nell’interior design, con quello che si è rivelato essere il must per l’arredo 2022 ovvero il grande ritorno del vintage e dell’utilizzo di materiali riciclati. Che non significa circondarsi di mobili vecchi, bensì valorizzare quanto rimane di buono e di bello nei pezzi del passato, adattandoli alle esigenze odierne, senza rinunciare alle comodità.

Il termine più in voga tra gli addetti ai lavori è l’upcycling, un modo di riutilizzare i materiali di scarto e ridare loro nuova vita, creando oggetti unici. Ecco che, allora, il passato ritorna in voga con mobili rustici in cui si prediligono elementi naturali.

Tra gli stili che si ispirano al tema della sostenibilità e che abbracciano l’etica del riutilizzo spopolano quello nordico, il bohemien e il minimal

Il rispetto dell’ambiente ha fatto emergere una smodata passione per i materiali naturali. La voglia di campagna e di arredi semplici si realizza con l’utilizzo di mobili in legno, poltroncine in rattan e in vimini. Si tratta di materiali che rappresentano l’attenzione per l’ambiente si ispirano al tema della sostenibilità ambientale.

Allo stesso modo, le tendenze d’arredo 2022 vedono la preponderanza di materiali sostenibili e naturali come legno, pietra e vetro, non solo per i mobili, ma anche per i rivestimenti.

Il legno perché è un classico, intramontabile, immancabile in ogni casa: sa donare calore e un clima familiare all’interno delle mura domestiche restituendo un senso di legame con gli elementi della terra.