01 giugno 2020

Veneto

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

24.03.2020

Si barrica con madre
disabile e minaccia
di dare fuoco alla casa

L'arsenale sequestrato
L'arsenale sequestrato

Sequestro di persona e detenzione di armi e munizioni da guerra: con queste accuse i carabinieri hanno arrestato Fabio Fronsaglia, un 45enne di Asiago residente a Roana.

 

Temendo che il padre fosse andato in caserma per denunciare l’ennesimo diverbio fra i due, gli ha telefonato e ha detto che se lo avesse fatto avrebbe dato fuoco alla casa.

Durante la conversazione concitata i militari hanno sentito anche le invocazioni di aiuto della madre disabile che era rimasta a casa.

Temendo che la situazione potesse degenerare i carabinieri si sono precipitati nella loro abitazione: l'uomo si era barricato all'interno, e aveva chiuso la porta con una catena.

Quando ha visto i carabinieri si è affacciato alla finestra e, con un fiammifero in mano, ha minacciato di appiccare un incendio se il padre non fosse rientrato a casa, sostenendo di aver cosparso tutti i mobili con della benzina. Affermazione apparsa verosimile, date le forti esalazioni che arrivavano.

I militari sono riusciti con molta fatica a calmarlo e a scongiurare l'incendio. Una volta in casa hanno subito messo in salvo l'anziana. Quando è poi scattata la perquisizione è stato trovato un vero e proprio arsenale costituito da ordigni e munizioni risalenti al primo conflitto mondiale. Vista la pericolosità delle armi per tutte le abitazioni limitrofe sono state adottate misure di sicurezza procedendo al sequestro dell’intero immobile ed attivando la prefettura di Vicenza per la bonifica e la messa in sicurezza dell’area. Gli artificieri dell’8° Reggimento Paracadutisti Folgore di Legnago, incaricati della bonifica, hanno accertato la presenza ben 18 ordini ancora attivi e pericolosi.

Il 45enne è stato arrestato e portato in carcere.

 

 

 

 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1