19 ottobre 2020

Veneto

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

08.04.2020

Coronavirus, a Pasqua
azienda dona orchidee
a tutte le famiglie

Una foto di orchiedee dalla pagina Facebook dell'azienda
Una foto di orchiedee dalla pagina Facebook dell'azienda

Bussare alla porta di tutte le famiglie per regalare una pianta di orchidee come segno di augurio pasquale. L’idea è venuta a Donato Menin, titolare di "Menin Orchidee", primo produttore in Italia con 3 milioni di pezzi commercializzati l’anno. L’azienda si trova a Carceri, nel Padovano, e proprio ai portoni di tutte le famiglie del paese suonerà tra domani e dopodomani per regalare piante fiorite. «Senza attendere risposta - racconta - lasceremo le piante al cancello, rispettando tutte le norme di sicurezza. Un augurio perché il colore dei nostri fiori illumini un poco questi giorni bui». Menin conta di donare complessivamente un migliaio di phalaenopsis.
Un gesto di generosità in un momento particolarmente difficile. Il vivaio è in ginocchio, le piante stanno inesorabilmente sfiorendo sullo stelo. In base alle norme di sicurezza nessuno può recarsi in azienda per acquistare una piantina. «Nelle prime due settimane di Covid-19 le vendite sono crollate del 100% - spiega - adesso il calo è del 20%. Ma i prezzi sono al di sotto del prezzo di produzione, così non riusciamo ad andare avanti». Menin è preoccupato per il suo lavoro ma soprattutto per il futuro dei suoi dipendenti. «Ho 50 collaboratori - dice - e non so come fare. Così non si può andare avanti».
In attesa che il mercato riparta e le vendite possano decollare nuovamente, Menin non vuole che le sue orchidee restino confinate, solitarie e rifiutate, all’interno delle sue serre. Per questo ha preso il camioncino aziendale di buon mattino e lo ha caricato di centinaia di piantine. Si è diretto prima all’ospedale di Vicenza e poi in quello di Schiavonia, nel quale sono ricoverati molti pazienti veneti colpiti dal virus, dove ha voluto consegnare il suo regalo fiorito di Pasqua. Un pensiero diretto, afferma, in particolare al personale sanitario. «Sono i nostri angeli» ripete convinto. Menin è battagliero, soprattutto nei confronti dell’Europa. «Il popolo italiano deve consumare prodotti italiani - ripete - sono i più belli del mondo. Mettiamocelo in testa».
 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1