20 novembre 2019

Veneto

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

18.10.2019

«Copriti o ti uccido»
I messaggi prima
di strangolare la moglie

Roberto Lo Coco e Giulia Lazzari
Roberto Lo Coco e Giulia Lazzari

ADRIA (Rovigo). «Se ti fai bella ti guardano tutti, invece se non lo fai risparmio 30 anni di galera per omicidio». Così scriveva in un messaggio WhatsApp Roberto Lo Coco alla moglie, ben prima di ucciderla. Lei, Giulia Lazzari, 23 anni, morta dopo 9 giorni di agonia per i danni provocati dal tentativo di strangolamento da parte del marito.

 

Parole che confermano la sua gelosia ossessiva. L'uomo arriva a dettarle un «regolamento» di condotta: «Non truccarti, fatti brutta, non aggiustarti i capelli, non salutare nessuno maschio. Se quando esci dal supermercato qualcuno dice ‘arrivederci' tu fa finta di non sentire perché non puoi rispondere a un maschio. Mettiti una felpa lunga e larga e un pantalone largo così non si vedranno le forme del tuo corpo». Lei gli chiede: «Perché fai così?». «Perché se ti fai bella, ti guardano tutti, invece così no e io risparmio 30 anni di galera fatti per omicidio». 

 

Giulia è morta ieri pomeriggio, era stata strangolata dal marito l’8 ottobre scorso durante una lite ad Adria (Rovigo). Era ricoverata nel reparto di Terapia intensiva all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Rovigo, in coma farmacologico. Il coniuge, Roberto Lo Coco, 28 anni, è in carcere in custodia cautelare da sabato scorso. I due hanno una figlia di quattro anni. La coppia si stava separando. Lei faceva la cameriera, lui è disoccupato e tossicodipendente da eroina.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1