14 luglio 2020

Veneto

CHIUDI
CHIUDI

Chiudi

23.05.2020

A Bibione la
stanza d'albergo
si sposta in spiaggia

La stanza d’hotel si sposta in spiaggia: a Bibione (Venezia), località turistica da 6 milioni di turisti l’anno, per scongiurare rischi di contagio si è arrivati a garantire ai villeggianti fino a 64 metri di spazio sulla sabbia per singolo ombrellone e due sedie a sdraio. In queste ore si sta completando l’allestimento dell’arenile con i vari stabilimenti balneari: l’apertura ufficiale è in programma per sabato 30 maggio, anche se già da stamani si registra una certa affluenza di cittadini residenti in Veneto per una toccata e fuga, appoggiando gli asciugamani sulla spiaggia libera. E tutti rigorosamente con la mascherina indossata dove non si riesce a garantire il distanziamento sociale.

 

Bibione, che si auto-definisce la più grande spiaggia d’Italia, ha anche optato per il congelamento dei prezzi: una giornata nel mese di giugno avrà un costo che va da 17.50 a 20.50 euro, e si potrà prenotare l’ombrellone direttamente on line, con un sistema automatizzato utilizzato già da anni per

evitare assembramenti. I turisti avranno a disposizione tre tipologie di «posto al sole»: quello fronte mare, con uno spazio vitale di 16 metri quadrati, che va ben oltre i dieci previsti dalle nuove normative; a mano a mano che si arretra ci sarà quello intermedio di 32 e quindi la versione maxi con 64 metri
di superficie.

Per aumentare il relax, la privacy e il distanziamento, è stata notevolmente implementata la vegetazione fiorita o semplicemente verde. Per assicurare il rispetto delle normative anti-Covid, sono state allestite la metà delle postazioni dello scorso anno: sono infatti disponibili 9 dei 18 mila ombrelloni consueti. L’incognita riguarda la risposta dei turisti austriaci e tedeschi, che rappresentano una notevole fetta delle presenze.

 

Se all’inizio della pandemia c’erano state numerose disdette,
con il passare delle settimane la situazione si è assestata:
grazie a una favorevole politica di rimborso, numerosi ospiti
hanno lasciato attive le loro prenotazioni in hotel. Le prossime
settimane saranno decisive.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1