25 febbraio 2020

Sport

Chiudi

23.12.2019

Il Ramonda semina e raccoglie punti Cus Torino asfaltato

Un attacco di Federica Carletti (Ramonda Ipag). FOTO ROBERTO MULIERE
Un attacco di Federica Carletti (Ramonda Ipag). FOTO ROBERTO MULIERE

Sara Marangon MONTECCHIO MAGGIORE «Inizio con una frase che mi ha detto una delle ragazze questa settimana, ossia che qualcosa è cambiato - racconta coach Alessandro Beltrami -. Penso sia vero. A prescindere dai risultati, credo che si veda la nostra crescita: io lo sento e loro lo vivono, ma anche da fuori mi sembra palese. Il ritmo che teniamo in campo è costante e siamo molto bravi a mettere sotto pressione le avversarie, soprattutto in fase di muro difesa. Riusciamo a toccare molti palloni e questo inevitabilmente innervosisce gli avversari. Nel primo set contro Torino non solo abbiamo realizzato molti muri attivi, ma abbiamo toccato tante palle e questo ha portato le ospiti a commettere più errori. Insomma, giochiamo come una squadra matura anche se di fatto, vista la giovane età del gruppo, ancora non lo siamo; stiamo facendo molto più di quello che mi aspettavo. Poi, com’è ovvio, sbagliamo ancora parecchio com’è successo nel terzo set, ma mi piace l’atteggiamento delle ragazze che sono riuscite a rimanere lucide e pazienti recuperando lo svantaggio. Chiedo sempre entusiasmo e loro lo stanno dimostrando, mantenendo costante e bello il gioco. Cerco di essere sempre prudente nelle mie dichiarazioni perché vorrei che rimanessimo umili, ma è altrettanto vero che mi piacerebbe che intorno a noi ci fosse molta grinta visti i risultati - prosegue il tecnico castellano -. Giovedì andremo a giocare con il Trentino, prima della classe». «Stiamo lavorando molto bene - commenta Benedetta Bartolini, premiata come Mvp alla fine del match contro Torino -. Scendiamo in campo pensando che le nostre avversarie siano più forti perché non vogliamo sottovalutare nessuno. Certo, sentiamo un po’ la pressione, ma al contempo siamo tranquille perché sappiamo che dobbiamo divertirci. Avere un gioco veloce e tenerlo costante è difficile e noi ci stiamo impegnando molto in questo senso». D’accordo con la compagna di squadra anche Laura Bovo che commenta: «Le nostre armi vincenti contro Torino sono state il muro e la difesa. A livello caratteriale abbiamo dimostrato ancora una volta di avere molta pazienza e di essere in grado di recuperare gli svantaggi. Siamo sempre state serene e tranquille e questa è una cosa che continuiamo a ripeterci anche tra di noi in palestra e in spogliatoio. Abbiamo acquisito alcune certezze e dobbiamo puntare su quelle». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Sara Marangon
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Campodarsego
54
Legnago Salus
49
Ambrosiana
48
Union Clodiense Chioggia
47
Mestre
45
Adriese
44
Feltre
44
Cartigliano
42
Cjarlins Muzane
42
Luparense
37
Caldiero
37
Este
36
Chions
35
Belluno
34
Delta Rovigo
31
Montebelluna
30
Vigasio
30
Tamai
22
San Luigi
21
Villafranca Vr
17
Ambrosiana - Cartigliano
1-0
Cjarlins Muzane - Legnago Salus
1-0
Delta Rovigo - Villafranca Vr
Este - Mestre
Feltre - Montebelluna
Luparense - Campodarsego
San Luigi - Chions
3-1
Tamai - Caldiero
Union Clodiense Chioggia - Adriese
Vigasio - Belluno