21 settembre 2019

Sport

Chiudi

11.09.2019

Bozzo alza la coppa Gli azzurrini in festa annullano la Russia

Giacomo Bozzo alza la coppa del Campionato del Mondo Under 19
Giacomo Bozzo alza la coppa del Campionato del Mondo Under 19

Sara Marangon MONTECCHIO MAGGIORE Sul tetto del mondo, assieme ai giovani della Nazionale under 19, ci sale anche coach Giacomo Bozzo. Il nuovo primo allenatore del Sol Lucernari Montecchio - arrivato alla panchina della serie B al posto di Luigi Schiavon - ha seguito gli azzurri a Tunisi come assistente di coach Vincenzo Fanizza. Nella finalissima contro la Russia, l’Italia ha vinto per 3-1 (26-24, 21-25, 25-19, 25-18) tornando sul gradino più alto del podio della categoria a distanza di 22 anni. Un Mondiale storico, che va a chiudere egregiamente un anno di successi iniziato con la medaglia d’oro all’Eyof di Baku e proseguito con il primo gradino del podio nel torneo di preparazione alla rassegna iridata. «Lo scorso anno ho fatto parte dello staff della Nazionale under 19 che ha partecipato agli Europei, dunque questa era la mia prima esperienza mondiale - racconta Giacomo Bozzo -. Un’avventura che mi ha donato mille emozioni, in modo particolare nella partita finale contro la Russia. A mio avviso si sono scontrate le due squadre più forti e più complete; forse i russi avevano dalla loro una maggiore fisicità, tutti gli atleti erano molto alti e prestanti, ma noi abbiamo fatto leva sulla tecnica dimostrando di meritare l’oro. Siamo partiti da un girone ostico che comprendeva, oltre all’Italia, l’Iran, la Bulgaria, la Repubblica Ceca e la Colombia. Superare bene la fase del girone ci ha dato la giusta grinta, inoltre coach Fanizza non aveva mai nascosto la volontà di andare a medaglia. La consapevolezza di avere un gruppo forte, unita alla grande capacità motivazionale del primo allenatore azzurro, hanno fatto sì che l’impresa si compisse. Credo che sentiremo parlare della maggior parte degli azzurri presenti a Tunisi, potrebbero essere il futuro della Nazionale senior». «È stata un’estate intensa e massacrante - chiude il coach castellano -. Adesso, oltre a godermi il risultato ottenuto, desidero portare quanto imparato al servizio del Sol Lucernari Montecchio. Personalmente sono convinto che un’esperienza in Nazionale, a stretto contatto con uno staff di professionisti, non possa che accrescere il bagaglio di un allenatore. Sono pronto a iniziare la serie B con l’obiettivo di giocare un campionato di vertice, cercando di lavorare al massimo per vedere cosa si riesce ad ottenere. Ovviamente non possiamo fare troppe previsioni perché non conosciamo gli avversari, ma di sicuro venderemo cara la pelle». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Sara Marangon
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Cartigliano
10
Ambrosiana
9
Union Clodiense Chioggia
8
Legnago Salus
8
Luparense
6
Campodarsego
6
Adriese
6
Vigasio
6
Caldiero
6
Cjarlins Muzane
6
Belluno
5
Delta Rovigo
5
Chions
4
Montebelluna
4
Villafranca Vr
4
Feltre
3
Mestre
2
Este
2
Tamai
2
San Luigi
1
Montebelluna - Cartigliano
1-1
Cjarlins Muzane - Ambrosiana
2-1
Delta Rovigo - Belluno
2-1
Este - Campodarsego
1-3
Mestre - Legnago Salus
2-3
San Luigi - Union Clodiense Chioggia
1-6
Tamai - Luparense
3-3
Feltre - Adriese
1-1
Vigasio - Caldiero
2-0
Villafranca Vr - Chions
2-0