18 ottobre 2019

Sport

Chiudi

31.08.2019

Vincere al Menti, sfida nella sfida

Primo, vincere. Secondo, divertire il pubblico. Questi gli obiettivi del Vicenza che domani (fischio d'inizio alle 17.30) debutterà al Menti contro la Fermana. L'esordio casalingo, si sa, è sempre molto atteso. Specie se si è mancato l'appuntamento con i tre punti alla prima gara ufficiale, com'è accaduto a Modena. Come si sono comportati i biancorossi di fronte ai loro tifosi nel recente passato? Stagione 2010-2011, Vicenza allenato da Rolando Maran. L'esordio è felice, anzi straripante. Il Lane dilaga 4-1 contro il Portogruaro dell'ex Fabio Viviani e i mattatori sono Baclet (doppietta), Abbruscato e Alemao. Due anni dopo in panchina siede Roberto Breda e nonostante il ko al primo turno in casa dello Spezia, i biancorossi si rifanno ampiamente nella loro tana, rifilando 3 reti (a 1) al Cesena: il primo sigillo lo mette Misuraca ma è Malonga, autore di due gol, ad impressionare. È il capitano Giovanni Lopez a guidare il Vicenza nell'anno della risalita dopo l'amara retrocessione. Il Lane ottiene la prima partita al Menti e la vince contro il Pavia (2-1) mandando in gol Tulli e, udite udite, Cinelli, colonna del Vicenza di oggi, atteso da una stagione importante. Bel colpo della formazione di Alberto Colombo (2017-2018) alla partenza di una stagione segnata dal fallimento societario: avversario all'esordio era il Gubbio, battuto 3-0 con reti di De Giorgio (doppietta) e Alimi. Nell'ultimo decennio non sono mancati gli esordi amari e le partenze col freno a mano tirato. Potrebbero passare inosservati tre pareggi a reti bianche? Non proprio. Il Vicenza ha chiuso sullo 0-0 al debutto in tre occasioni contro il Latina, il Bari e la Giana lo scorso anno. Potremmo anche aggiungere lo 0-0 di Modena di una settimana fa. Di sicuro lo 0-0 è il risultato che lascia meno soddisfatti di tutti i tifosi, specialmente se arriva al termine di una partita che regala poche emozioni. Uno degli esordi peggiori è avvenuto nell'anno della serie B, Vicenza-Carpi 0-2. In quell'occasione era apparso evidente come la formazione biancorossa fosse inadeguata a disputare quel campionato. In effetti la stagione si concluse con la retrocessione nonostante i tre cambi di allenatori e il disperato tentativo di Vincenzo Torrente, a sei giornate dalla fine, di salvare il Vicenza. Menti esplosivo. Domani i tifosi riserveranno la solita calorosa accoglienza ai biancorossi, confidando in una bella vittoria. Senza considerare le amichevoli precampionato, il Vicenza deve ancora timbrare il primo successo nelle gare ufficiali (ko a Reggio Calabria in Coppa Italia, pareggio a Modena nella prima di campionato senza brillare). Giacomelli e compagni non avranno vita facile, perchè la Fermana di Flavio Destro è una squadra organizzata, che concede poco e soprattutto è carica per aver superato al debutto il Ravenna. Al Lane, che ieri si è allenato a porte chiuse. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Marta Benedetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1

Serie D - Girone C

CLASSIFICHE
RISULTATI
Cartigliano
17
Luparense
16
Campodarsego
16
Adriese
15
Union Clodiense Chioggia
14
Caldiero
14
Ambrosiana
13
Legnago Salus
12
Cjarlins Muzane
12
Mestre
11
Feltre
10
Este
10
Vigasio
10
Belluno
9
Delta Rovigo
9
Chions
8
Villafranca Vr
8
Montebelluna
5
Tamai
3
San Luigi
1
Ambrosiana - Belluno
2-1
Montebelluna - Villafranca Vr
0-0
Cjarlins Muzane - Campodarsego
2-4
Delta Rovigo - Legnago Salus
2-0
Este - Chions
2-1
San Luigi - Adriese
1-6
Tamai - Cartigliano
2-2
Union Clodiense Chioggia - Luparense
1-1
Feltre - Caldiero
1-1
Vigasio - Mestre
1-2